Cerca nel quotidiano:


Un manichino per simulare le emergenze ostetriche

Il primario Abate: "Il manichino, che simula fedelmente l'apparato genitale femminile, permette di esercitarsi sui casi di emorragia post-parto o di distocia di spalla"

Lunedì 25 Maggio 2020 — 16:32

di Tommaso Lucchesi

Mediagallery

Il presidente dell'associazione che ha donato il manichino: "Orgogliosi di poter contribuire allo sviluppo del reparto". Marzia Chellini, responsabile delle ostetriche: "E' fondamentale non farsi trovare in difficoltà nel momento del bisogno, effettueremo con cadenza regolare le nostre esercitazioni"

Lunedì 25 maggio, nel parco giochi antistante il padiglione materno-infantile dell’ospedale, è stato presentato un particolare manichino, donato dall’associazione “Insieme per la vita”, che consente di simulare le urgenze ostetriche e quindi di prepararsi al meglio in caso di eventuali complicazioni che possono sorgere nel momento del parto reale (foto Amore Bianco). Presente alla cerimonia lo stesso presidente dell’associazione Ettore Simoncini, che ha dichiarato di aver accolto volentieri l’invito del reparto. Marzia Chellini, responsabile delle ostetriche, ha ringraziato l’associazione spiegando l’importanza della donazione: “Questo manichino in silicone ci servirà per fare delle simulazioni sulle emergenze ostetriche che, seppur rare, non sono da sottovalutare. E’ fondamentale non farsi trovare in difficoltà nel momento del bisogno ed effettueremo con cadenza regolare le nostre esercitazioni per tenerci sempre pronte all’azione”. Il dott. Roberto Danieli, primario di pediatria, ha parlato di percorsi di simulazione ad alta fedeltà. “Lo scopo – ha spiegato Danieli – è paradossalmente quello di sollecitare gli errori durante la prova in modo da evitarli nelle situazioni reali”. Infine, il primario di ostetricia e ginecologia Sergio Abate: “Il manichino permetterà di sviluppare nell’operatore maggiori competenze di carattere operatorio o emotivo. Il manichino, che simula fedelmente l’apparato genitale femminile, permette di esercitarsi sui casi di emorragia post-parto o di distocia di spalla”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Serena

    Ringrazierò sempre il team dei reparti maternità e pediatria dell’ospedale di Livorno, in particolare il dottor Ninni, che nel 2017 non si è trovato impreparato davanti alla mia distocia di spalla. E ringrazio nuovamente il dottor Danieli per tutto quello che ha fatto subito dopo. Queste buone iniziative fanno bene al cuore… Serena Michele e Alberto