Cerca nel quotidiano:


“Un mare di idee per le nostre acque”, torna la campagna Coop per l’ambiente

Obiettivo 2021 di “Un mare di idee per le nostre acque": 34 nuovi Seabin, i cestini “mangiarifiuti" in acqua, per ridurre l’inquinamento da plastica e microplastiche. Quest'anno con Coop e LifeGate la barca a vela Anywave. Il presidente Lami: "Vogliamo contribuire a migliorare la condizione del nostro pianeta"

Venerdì 28 Maggio 2021 — 09:59

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Nel 2020 al Circolo N. Sauro il Seabin ha raccolto circa 366 kg di rifiuti. Sabato 29 maggio si svolgerà “Sopra, sotto e intorno al mare” ai Tre ponti

Torna, per il secondo anno consecutivo, la campagna di Coop per l’ambiente “Un mare di idee per le nostre acque“. L’iniziativa ecologica, presentata a bordo del peschereccio Ca’ Moro e realizzata in collaborazione con LifeGate, prevede il collocamento di 34 nuovi Seabin (nella foto in pagina, cestini “mangiarifiuti” H24 che, galleggiando a pelo d’acqua, catturano i rifiuti dai più grandi fino alle microplastiche, mentre una piccola pompa espelle l’acqua filtrata) in fiumi, laghi e porti di tutta Italia (compreso Livorno). Obiettivo: recuperare plastiche e microplastiche presenti negli spazi acquatici: in città, grazie al seabin installato nell’agosto del 2020 al Circolo pesca Nazario Sauro, sono stati raccolti circa 366 chilogrammi di rifiuti galleggianti pari al peso di oltre 24 mila bottigliette. E in totale grazie ai 12 Seabin già posizionati da Coop nel 2020 sono state recuperate 23 tonnellate di rifiuti pari al peso di circa 1.500.000 bottiglie. “Credo che questi risultati testimonino l’impegno di Coop relativamente al tema della sostenibilità – afferma il presidente di Unicoop Tirreno Marco Lami – Vogliamo contribuire a migliorare la condizione del nostro pianeta. Questo significa assumersi impegni concreti, non facili, perché si sa, cambiare un’abitudine non è mai facile: per esempio, a brevissimo metteremo in commercio la nostra acqua in una bottiglia costruita al 100% con plastica riciclata. Un capitolo della nostra Carta dei Valori è dedicato all’ambiente e i soci si impegnano in attività ecologiche, stimolandoci a fare meglio e di più: a Unicoop Tirreno viene riconosciuto un ruolo da protagonista quando si parla di ambiente e questo non può che renderci orgogliosi, come lo siamo oggi, partecipando a questo importante progetto dedicato al mare”.
Tra i nuovi compagni di viaggio del progetto quest’anno c’è la barca a vela Anywave, la prima ad aver istituito a bordo la figura del “Reco (responsabile ecologico) e ad aver stilato un decalogo di comportamenti a tutela del mare da seguire durante la navigazione e nei momenti di stazionamento nei porti. La barca toccherà alcune delle tappe dove saranno posizionati i Seabin (Trieste, Livorno, Sanremo, Brindisi, Portofino, Ancona, Venezia) e avrà una funzione educativa, aprendosi alle visite di soci, consumatori, scuole.
Anche Findus ha scelto di sostenere la campagna Coop “adottando” 10 dei 34 Seabin (due in Toscana: al porticciolo dell’Isola di Capraia e in darsena a Viareggio).
“In questo momento c’è bisogno di fare uno sforzo e modificare molte abitudini, la nostra società deve fare un passo avanti che non è rinviabile – commenta l’assessore all’ambiente Giovanna Cepparello – Per farlo c’è bisogno di promuovere un cambiamento culturale globale, di fare rete. Con questa idea si contribuisce ad accendere una responsabilità ecologica: il seabin, oltre a raccogliere tonnellate di rifiuti, risveglia le coscienze e le persone vengono a sapere cosa succede nei nostri mari e, di conseguenza, quali sono le cause dei drammi che viviamo”.
A fianco di Coop e LifeGate anche l’esploratore e divulgatore ambientale Alex Bellini e l’attore Sergio Múñiz, noti per il loro impegno relativo alla difesa del pianeta. Altri si aggiungeranno tappa dopo tappa.
“Siamo qui per un progetto plasticless e per cercare di non vedere più questi oggetti nei nostri mari; tuttavia, su questo tavolo è presente una bottiglia di plastica – fa notare Bellini – naturalmente, la mia non vuole essere una critica, ma un’osservazione per far comprendere quanto sia difficile cambiare effettivamente le proprie abitudini e quanto questo sia però estremamente necessario”.
Sabato 29 maggio si svolgerà “Sopra, sotto e intorno al mare” che, in collaborazione con numerose realtà cittadine, offrirà l’opportunità a tutti coloro che vorranno partecipare di effettuare una pulizia della spiaggia dei Tre ponti a piedi, con il sup o con tuta e pinne.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!