Cerca nel quotidiano:


Villa Fabbricotti parco cardio-protetto con il defibrillatore

Mentre continua a tenere banco la questione Chioschino proprio accanto alla struttura di Villa Fabbricotti è stato installato un defibrillatore pubblico. Il 22 aprile l'inaugurazione

domenica 22 aprile 2018 19:01

Mediagallery

di Federico Bacci

Mentre continua a tenere banco la questione legata all’esposto presentato contro gli eventi musicali vicino al Chioschino e il “rumore” del cinema estivo (clicca qui), arriva una nota lieta: proprio vicino al Chioschino è stato installato un defibrillatore pubblico (foto Lanari). Villa Fabbricotti diventa così il primo parco pubblico cardio-protetto. “Desidero ringraziare tutte le persone che hanno partecipato a questa iniziativa – ha dichiarato l’assessore Ina Dhimgjini – e non c’è bisogno di parlare tanto, il fatto parla da solo. Proseguiremo questo lavoro per moltiplicare queste iniziative, mentre il 22 aprile alle 11.30 ci sarà l’inaugurazione ufficiale”. Giunge così alla conclusione un percorso promosso da “Vivi Fabbricotti”, il comitato di cittadini del quartiere. Hanno partecipato in modo fondamentale all’iniziativa, oltre a Vivi Fabbricotti (alla presentazione nella persona di Laura Albertini), Silvia Nocelli, Giuseppe Chericoni (donatore materiale del defibrillatore, il 15° da lui finanziato a Livorno, in memoria del fratello Marco), Filippo Brandolini (titolare del Chioschino) e il dott. Maurizio Cecchini, della onlus Cecchini Cuore, che da anni si impegna per sensibilizzare la popolazione italiana all’utilizzo di questi macchinari salvavita. “Questo gruppo fantastico – ha proseguito Laura Albertini – dev’essere fiero di cosa ha fatto e della sinergia che da subito si è venuta a creare. La risposta della città è stata veramente strepitosa e ci teniamo a ringraziare tutte le parti in gioco. In particolare, oltre a Giuseppe Chericoni, donatore del macchinario, il dott. Cecchini che con il suo impegno ha già installato 451 defibrillatori pubblici in tutta Italia, oltre ai corsi di formazione con cui insegna a usare questi strumenti fondamentali”. Di questi 451 defibrillatori, 16 volte ne è stato necessario l’utilizzo e per ben 11 volte il macchinario ha salvato una vita. “Il messaggio principale che mi preme far passare – ha concluso Giuseppe Chericoni – è che quando succede una tragedia non ci sia il pensiero “si poteva fare qualcosa in più””.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # francesco

    Ottima iniziativa che dovrebbero seguire anche gli amministratori dei condomini visto il costo irrisorio dell’apparecchiatura che può salvare una vita rispetto a tutti i soldi che vengono buttati via per stupidaggini !

  2. # Ale

    durante l’inaugurazione fate piano, sennò quelli di fronte si svegliano!!

  3. # luca

    Sicuramente una iniziativa lodevole e molto importane. Un grazie va a Giuseppe che ha perso il fratello e da un dolore così forte ha saputo rialzasi e stà facendo tutto il possibile perché queste cose siano sempre più contrastabili. Almeno provarci. Grazie Giuseppe. In più, volevo cogliere l’occasione per far sapere che anche i dipendenti dei cantieri “Lusben Benetti” di Livorno hanno donato un defibrillatore alla città, e proprio in questi giorni l’amministrazione comunale si sta attivando per individuare un posto dove collocarlo e allo stesso tempo creare una App. per mappare tutta la città su dove sono collocati i defibrillatori. Un grazie a tutte quelle persone che si attivano, in qualsiasi forma, a tutelare la salute di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive