Cerca nel quotidiano:


A Giannini e Mayor Von Frinzius l’Oscar del Teatro

Il regista della compagnia è stato premiato sul palco del Follonica Summer Festival dove è andata in scena la cerimonia di consegna del Premio Persefone

martedì 06 Agosto 2019 11:12

Mediagallery

Il Premio Persefone è l’Oscar del Teatro ed è giunto alla sua diciottesima edizione. Domenica 4 agosto, in occasione del Follonica Summer Festival, nella splendida cornice del Parco Centrale di Follonica si è tenuta una Serata-Evento che ha ospitato alcuni tra i più importanti artisti teatrali, televisivi e cinematografici del panorama italiano come Gabriele Lavia, Alessio Boni o Giuliana De Sio. La serata andrà in onda prossimamente su Rete 4. A condurre il tutto uno scoppiettante Paolo Ruffini, direttore artistico del Festival, che ha avuto la possibilità di consegnare un premio speciale… a chi? A Lamberto Giannini ed alla Compagnia Mayor Von Frinzius.

La Mayor Von Frinzius nasce nel 1997, quasi per gioco, da un’idea del regista Lamberto Giannini. Da allora la sua ascesa è stata più che rapida e, anche grazie all’incontro con Paolo Ruffini ed alla nascita del progetto Up&Down, la MVF ha ricevuto premi di calibro nazionale come il Nastro d’argento o il premio “Kineo-Diamanti al cinema” in occasione del Festival di Venezia.

La compagnia teatrale livornese è stata infatti una dei tanti ospiti della serata, ed ha potuto emozionare il pubblico di Follonica con un breve estratto del suo ultimo spettacolo “A mezzanotte, Parerga e Paralipomena”, spettacolo che ha raggiunto un successo inaspettato, co-prodotto con la Fondazione Goldoni e sponsorizzato da Charity Stars, grazie all’aiuto di Giorgio Chiellini, e dalla BCC di Castagneto Carducci.

Instancabile, la MVF non si è rilassata con l’arrivo dell’estate, bensì ha continuato ad incontrarsi quasi una volta a settimana nel caldo giardino della Parrocchia di Santa Lucia ad Antignano per provare e riprovare, alla ricerca di qualcosa che non si può descrivere, si può soltanto sognare.

Così quella che doveva essere un’esibizione di tre minuti all’interno di un festival considerato “casa”, dato lo stretto legame con Paolo Ruffini della Compagnia, si è trasformata in un’emozionante sorpresa, tanto emozionante da ripagare 22 anni di duro lavoro, 22 anni in cui centinaia di persone si sono incrociate ed hanno creduto in un sogno, a partire dal regista Lamberto Giannini per proseguire con i suoi collaboratori, con gli attori e con tutti gli sponsor che grazie a piccoli gesti sono riusciti ad aiutare nella creazione di qualcosa di davvero grande.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Francesco

    Giannini e la Compagnia n. 1.

  2. # Massimo

    Un grazie a Lamberto e a tutti i ragazzi per quello che fate!
    La meglio Livorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.