Cerca nel quotidiano:


Al Cral Eni “Però ti divertivi” ovvero la donna nel Vernacolo livornese

Appuntamento domenica 13 marzo alle 17.15, nell’ambito della settimana della Festa della Donna

Giovedì 3 Marzo 2022 — 21:38

Mediagallery

Domenica 13 marzo alle 17.15, nell’ambito della settimana della Festa della Donna, sarà di scena all’Arteatro Cral Eni un divertente spettacolo dal titolo “Però ti divertivi” ovvero la donna nel Vernacolo livornese. Lo spettacolo, organizzato dal Cral Eni in collaborazione con le Compagnie Livornesi Riunite è composto da una serie di celebri scenette comiche in vernacolo livornese del repertorio del grande Beppe Orlandi e altri autori vernacolari livornesi, mettendo in evidenza proprio la figura della “Donna” livornese interpretata dalla “maschera”, cioè l’uomo en travesti.

Beppe Orlandi ha saputo ritrarre come un grande pittore il verbo e la gestualità labronica, facendo interpretare i ruoli femminili delle popolane livornesi presenti nelle sue commedie a uomini, proprio per marcare la predominanza che avevano le donne nei riguardi dei rispettivi mariti, lasciando una traccia unica dei suoi lavori sapientemente proposti nel dettaglio senza mai arrivare alla parolaccia, per far ridere nel ricordo di una generazione che fu e che ha bisogno di non essere dimenticata.

Per dar voce ad un pomeriggio che si preannuncia veramente divertente e spensierato, saranno in scena, naturalmente in maschera, gli attori comici Aldo Corsi, Alessio Nencioni, Marco Chiappini e Stefano Valdiserri coadiuvati dalle attrici Cristina Silvestri, Marina Consaga e Vania Giuntini. Conducono la serata la regista e attrice Simonetta Del Cittadino e Franco Bocci, promotore e instancabile organizzatore dell’evento con l’inserimento di celebri sonetti in vernacolo che faranno da cornice tra le varie scenette in programma.

Prenotazioni posti numerati ai numeri 0586.401308 oppure 339.7768203. Ritiro dei biglietti dalle ore 15,30 del giorno stesso dello spettacolo presso la biglietteria del Arteatro Cral Eni viale Ippolito Nievo 38.

Riproduzione riservata ©