Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Al Goldoni una serata dedicata al pittore Gio Batta Lepori

Venerdì 4 Novembre 2022 — 18:37

Foto inviate dalla Fondazione Lepori; nella prima Lepori mentre dipinge Scoglio della Ballerina

Serata dedicata a Giovan Batta Lepori, a vent’anni dalla sua morte, dal titolo I colori di una vita. Alle 18 opere in mostra poi, dalle 21, docufilm di Amasi Damiani Il poeta pittore Gio Batta Lepori e monologo di Michele Crestacci

Una serata dedicata a Giovan Batta Lepori, a vent’anni dalla sua morte, dal titolo I colori di una vita. Alle 18 opere in mostra poi, dalle 21, docufilm di Amasi Damiani “Il poeta pittore Gio Batta Lepori”. Seguirà il monologo di Michele Crestacci. La pittura di Gio Batta (Livorno, 1911-2002) scrisse Renato Natali, è “senza scuole, senza punti di partenza, ma tutto istinto. Mantenuto dall’entusiasmo, sa realizzare alle sue visioni”. Padre di dieci figli, Gio Batta si dedicò alla pittura a 35 anni e nel 1946 espose per la prima volta le sue opere alla galleria Labronica in via Magenta. Il pittore ha manifestato sin dalla più tenera età espressività, sensibilità e impressionabilità di fronte a ciò che lo faceva immergere in quel fascino della natura tanto generosa, imperturbabile e pure violenta  nelle mareggiate burrascose così aggressive e temibili. Quel creato così amato da Lepori era  vera  e pura manifestazione del suo Creatore, ne individuava  colori e sfumature realizzando opere vibranti con materica  maestria, ricche di tinte sfolgoranti, atte a trasferire nei dipinti l’ora, il meteo del dì e la stagione con impressionante e suggestiva intensità. La scelta di vivere d’arte avvenne nel 1946 seguita successivamente da molte mostre in italia ed anche all’estero fino a raggiungere l’oltre oceano.

Condividi:

Riproduzione riservata ©