Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Appuntamento in giardino al Museo di Storia Naturale

Martedì 24 Maggio 2022 — 11:17

In occasione della giornata "Appuntamento in Giardino" rivolta a tutti i giardini italiani promossa da APGI - Associazione Parchi e Giardini d’Italia il Museo vi aspetta sabato 4 giugno alle 10 per una visita guidata nel suo particolare orto botanico

In occasione della giornata “Appuntamento in Giardino” rivolta a tutti i giardini italiani promossa da APGI – Associazione Parchi e Giardini d’Italia il Museo vi aspetta sabato 4 giugno alle 10 per una visita guidata nel suo particolare orto botanico che ospita interamente specie mediterranee.
Pensata come un’autentica “festa del giardino”, la manifestazione, che ha il patrocinio del Ministero della Cultura, ha l’obiettivo di invitare il grande pubblico a scoprire la sorprendente ricchezza storica, artistica, botanica e paesaggistica dei giardini italiani.
Un’occasione per far conoscere giardini normalmente chiusi e per arricchire le possibilità di fruizione dei giardini regolarmente aperti con eventi e attività.
Oltre ad essere luoghi di poesia e bellezza i giardini sono straordinari ‘sensori’ che, nel riconnetterci alla Natura, ci raccontano quel che succede al nostro Ambiente: modificazione della tavolozza vegetale, mutazione del ritmo delle stagioni, fioriture precoci, comparsa di nuovi parassiti… Gli effetti sempre più evidenti del cambiamento climatico costringono a ripensare la manutenzione e la conservazione dei giardini in un’ottica di sostenibilità e resilienza, per garantire la trasmissione alle future generazioni di un patrimonio culturale così fragile. Appuntamento in Giardino può essere anche una preziosa occasione per sensibilizzare il pubblico su questi temi attraverso il racconto e la condivisione di esperienze, soluzioni, nuove prospettive.
La visita riguarderà l’orto botanico e la nuova sezione dei fruttiferi antichi, con particolare riguardo alle tematiche relative agli adattamenti di queste specie all’ambiente anche in relazione ai cambiamenti climatici.

Condividi:

Riproduzione riservata ©