Cerca nel quotidiano:


“Augenblick, non ora”, debutto alle 21,50 del 13 luglio

Per motivi logistici lo spettacolo, inizialmente programmato alle 21 ed inserito nella rassegna Palcobaleno, è stato posticipato

Venerdì 2 Luglio 2021 — 16:01

Mediagallery

Lo spettacolo, dedicato ad Andrea Matteucci, si sviluppa in una scaletta organizzata proprio come un concerto pop, in cui sketch divertenti si alternano a monologhi filosofici e coinvolgenti coreografie

“Augenblick, non ora”, il nuovo spettacolo Mayor Von Frinzius – OAMI diretto da Lamberto Giannini, Rachele Casali e Gabriele Reitano, con la consulenza artistica di Marianna Sgherri, debutterà martedì 13 luglio alle 21.50 presso la Fortezza Vecchia.
Per motivi logistici lo spettacolo, inizialmente programmato alle 21 ed inserito nella rassegna Palcobaleno, è stato posticipato: il regista e la sua compagnia di oltre sessanta attori sono grati alla città per il sold out raggiunto in tempi record e al tempo stesso estremamente dispiaciuti per chi non è riuscito ad acquistare i biglietti.
Augenblick è frutto di mesi di prove in cui la MVF ha dovuto reinventarsi completamente a causa delle restrizioni dovute al Covid-19, nel corso del 2021 le modalità delle prove sono cambiate innumerevoli volte ed ogni volta vi era la preoccupazione di non riuscire a farcela, ma malgrado questo i Mayor hanno saputo stringere i denti e superare ogni difficoltà.
L’arte nasce dal tentativo di comprendere il tempo, il tempo si compie nell’istante in cui accade l’esperienza del bello e, come disse Leonardo Da Vinci, “L’istante è senza tempo”, questa è l’idea su cui si struttura “Augenblick, non ora”: in un attimo tutto può cambiare, in un solo battito di ciglia le nostre certezze possono essere spazzate via, passiamo l’esistenza a sbattere gli occhi e poi un battito, uno solo fra i tanti, cambia direzione e scompiglia ciò che siamo.
Lo spettacolo, dedicato ad Andrea Matteucci, si sviluppa in una scaletta organizzata proprio come un concerto pop, in cui sketch divertenti si alternano a monologhi filosofici e coinvolgenti coreografie.

Riproduzione riservata ©