Cerca nel quotidiano:


“Caffè IdeaLi” tre incontri al Pizzino al Galoppo. Il programma

Al via un ciclo di incontri, a carattere partecipativo, nei quali verranno affrontati temi di particolare rilevanza in questo momento storico per la nostra città e per la collettività

Mercoledì 11 Maggio 2022 — 08:24

Mediagallery

Dopo due anni di pandemia, l’associazione culturale e politica IdeaLi, da sempre impegnata a promuovere una cultura dell’impegno e della partecipazione alla vita pubblica, sente la necessità di tornare a riattivare la comunità cittadina e sollecitare una riflessione collettiva su tematiche essenziali per una rinascita e una ripartenza più consapevoli.

IdeaLi lancia quindi un ciclo di incontri, “Caffè IdeaLi”, a carattere partecipativo, nei quali verranno affrontati temi di particolare rilevanza in questo momento storico per la nostra città e per la collettività,  per immaginare insieme una ripartenza e ripensare la nostra città proiettata verso il futuro.

Il primo dei tre “Caffè IdeaLi” è in programma giovedì 12 maggio alle 18 al Pizzino al Galoppo, all’interno dell’ippodromo Federico Caprilli ed è dedicato alla condizione dei giovani dopo i due anni di pandemia. Sono proprio loro, i nostri ragazzi e le nostre ragazze, ad  averne subito le conseguenze più pesanti soprattutto dal punto di vista psicologico ed è una situazione che non possiamo più ignorare.

E’ dunque più che mai urgente una grande alleanza tra Istituzioni, famiglie, associazionismo che rimetta al centro i diritti dei giovani e giovanissimi non solo di progettare il futuro ma di vivere a pieno il presente. Ed è in quest’ottica che IdeaLi ha pensato di organizzare un momento di confronto e riflessione con esperti che aiutino a costruire un percorso di ripartenza che coinvolga soprattutto i giovani.
Anche nei due incontri successivi saranno affrontate tematiche collegate alla rinascita cittadina, in relazione al periodo storico appena trascorso.
Il secondo incontro, sempre nel mese di maggio, presenterà un focus sulla rappresentazione della donna sui social e nei media, soprattutto in questo periodo in cui gli schermi sono divenuti così presenti nelle nostre vite.
Il terzo incontro, nel mese di giugno, si propone di stimolare una riflessione sulla possibilità che Livorno possa trasformarsi in una città preparata ad accogliere e favorire le nuove professionalità digitali.

L’intento è quello di dare vita a momenti di reale dialogo e scambio su argomenti che riteniamo essenziali per la vita della nostra città. Non vogliamo semplicemente presentare delle idee o programmi precostituiti ma, partendo da esperienze o ricerche preesistenti, sollecitare uno scambio stimolante.

Proprio per questo motivo gli interventi saranno seguiti da momenti conviviali (Caffè IdeaLi) ma sopratutto invitiamo la cittadinanza e le associazioni cittadine a partecipare attraverso questioni, tematiche o suggerimenti che potranno essere affrontati direttamente durante i dibattiti.

Eventuali domande, contributi o suggerimenti potranno essere inviati al seguente indirizzo email: [email protected].

12 maggio 2022 ore 18.00

I GIOVANI NEL POST PANDEMIA: QUALI PROSPETTIVE E QUALI PERCORSI PER UNA RINASCITA             
Pizzino al Galoppo (Ippodromo F. Caprilli)

Emanuele Gamba regista, direttore artistico  teatro Goldoni

Daniele Caluri vignettista, insegnante
Marco Lenzi musicista, insegnante
Silvia Palandri  psicologa psicoterapeuta

Mia Diop  – Giovanni Pulizzi ( rappresentante ed ex rappresentante di istituto Isis Niccolini Palli – Livorno)

L’allerta sulla necessità di sostegno psicologico dei soggetti più fragili e/o vulnerabili dopo i due anni di pandemia, arriva addirittura dall’ONU, con un rapporto in cui si esortano gli Stati ad agire sul tema, anche a fronte dell’aumento dei casi di violenza, cyber-bullismo, autolesionismo, bulimia e anoressia, ma anche povertà educativa e abbandono scolastico. Di fronte a tutto questo è urgente infatti costruire un sistema di contrasto, una rete di sostegno, altrimenti rischiamo di perdere un’intera generazione di giovani, i soggetti più toccati da questa esperienza. Negli spazi all’aperto del Pizzino al galoppo interverranno uno psicologo esperto dell’età evolutiva, un esperto di processi culturali,  insegnanti che si relazionano quotidianamente con i giovani, insieme a giovani studenti.

Seguirà concerto di musica jazz e aperitivo con musica offerto da IdeaLi in collaborazione con Zona Market

29 maggio ore 18.00

Selfie come nuovi Specchi

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE DONNE NEI MEDIA: DALLA PUBBLICITÀ’ AI SOCIAL

Sala Conferenze dei Bottini dell’Olio

Lorella Zanardo attivista per i diritti delle donne e docente

Maria Pia Bernardoni curatrice e organizzatrice eventi culturali

Che cosa vediamo quando ci specchiamo nel riflesso dei nostri volti sugli schermi dei cellulari?
Che cosa stiamo facendo davvero quando ci fotografiamo: il selfie è un gesto di potere o un atto di sottomissione? Rappresenta la riappropriazione del controllo sulla propria immagine, oppure il disperato tentativo di assoggettare i nostri volti a forme e espressioni che pensiamo essere quelle “giuste”? Ne parleremo insieme a Lorella Zanardo, attivista per i diritti delle donne, docente, autrice del documentario “Il corpo delle donne” – denuncia della rappresentazione degradante delle donne in televisione in Italia, visto in rete da 20 milioni di persone. Zanardo presenterà il suo ultimo progetto VOLTO MANIFESTO: una campagna di sensibilizzazione sulla trasformazione del volto nell’era digitale, che vuole offrire spunti di riflessione sul tema dell’omologazione dei volti veicolata dai social media.

23 giugno ore 18.00
SKILLARE LIVORNO: UNA CITTA’ PER NUOVI LINGUAGGI E NUOVE PROFESSIONI
Pizzino al Galoppo (Ippodromo F. Caprilli)

Elisa Soggia Cofondatrice e Amministratrice di LinkJuice

Luigi Conte StartUpper seriale e Presidente di Sarcanto srl

Alessandro Bruni Fondatore e CEO di Naima Consulting srl (Brain trust per l’innovazione strategica), professore aggiunto di Strategia presso l’Università di Pisa

Non è inevitabile vivere male per lavorare bene. La pandemia ha reso forse più evidente un fenomeno che nella nostra città è già presente da alcuni anni. La possibilità di svolgere professioni digitali, di carattere fortemente imprenditoriale, facendo base in una località che garantisca una qualità di vita molto alta: il mare a due passi, aria buona, vicinanza di luoghi d’arte e turismo di altissimo richiamo, una dimensione che garantisce facilità di spostamenti e spazi vitali ampi e gradevoli. E’ possibile immaginare un futuro per Livorno come città accogliente per le nuove professioni? Quali interventi sarebbero necessari per adattare e trasformare la nostra città al fine di attirare ed agevolare le nuove realtà lavorative caratteristiche della “web-economy”, al tempo stesso in grado di conciliare soddisfazione lavorative e benessere personale?
Ne parliamo con imprenditori e professionisti che già da anni fanno consulenza o sono attivi in questo senso, avendo dato vita ad aziende che fanno base a Livorno, pur operando sull’intero territorio nazionale (e talvolta anche all’estero).

Cercheremo di capire insieme come far si che la città diventi un luogo di opportunità e prospettive concrete per chi la abita oppure per coloro che, arrivando da fuori, potrebbero eleggerla a propria residenza.

Riproduzione riservata ©