Cerca nel quotidiano:


Capodanno comico-musicale al Cral Eni

Nuovo divertentissimo spettacolo comico-musicale dal titolo “Folgorio di Stelle”

Martedì 24 Dicembre 2019 — 12:08

Mediagallery

Torna, dopo il grande successo dello scorso anno,  lo spettacolo di Capodanno all’Arteatro Cral Eni con “La Compagnia la Combriccola” che sarà di scena martedì 31 dicembre con un nuovo divertentissimo spettacolo comico-musicale dal titolo “Folgorio di Stelle”. Lo spettacolo, preceduto da cena con inizio alle ore 19,45  o buffet con stuzzicheria alle ore 20,30, prevede dalle 21,45  Li spiriti in casa della pizzi’ata, commedia in un atto di Beppe Orlandi e Gigi Benigni rappresentata la prima volta al Teatro San Marco di Livorno nel 1935. Questa comicissima commedia veniva abbinata alla più celebre “Ribotta a Montinero” del 1929 in quanto era composta inizialmente da due atti. Troviamo le classiche maschere del teatro vernacolare livornese come la popolana Palmira e la vecchia Corinna detta la Pizzi‟ata.

Alle 23 il programma prosegue con C’era una volta l’operetta, arie e duetti tratti dalle più celebri operette di tutti tempi. Allo scoccare della mezzanotte brindisi con panettone, spumante, balli di gruppo e animazione. Dalla mezzanotte e mezzo in poi si torna in scena con Gran Baldoria 2020, gran Varietà per tutte le età tra scenette, canzoni e macchiette. Alle  2 di notte conclusione della serata con Barzellette a Raffica. La serata vedrà la partecipazione degli attori comici Aldo Corsi e Alessio Nencioni ormai diventati elementi di spicco del teatro vernacolare labronico, il caratterista Gabriele Nuterini, la poliedrica attrice e cantante Elisabetta Macchia, la caratterista Annarosa Bechelli, il cabarettista Fabio Max, le cantanti Elena Peebes e Catia Collorà, il tenore Massimo Gentili, la frizzante soubrette Paola Pacelli, il brillante Franco Bocci e la partecipazione straordinaria del comico Matteo Micheli. Direzione musicale a cura di Stefania Casu. Lo spettacolo sarà un gradito ritorno al quel teatro di varietà e di rivista di un tempo, ormai perduto, che ancora oggi mantiene il suo fascino e ne sentiamo il bisogno, dove la battuta comica era allusione alla società e ai costumi.
INFO: 0586-40.13.08.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.