Cerca nel quotidiano:


Cento eventi per Dedo. “Contratto? Eccolo”

Livorno rende omaggio al grande Amedeo con un calendario di iniziative collaterali alla mostra. In conferenza, trasmessa in diretta FB da QuiLivorno.it, Salvetti ha consegnato l'ormai famoso contratto con Restellini alla stampa

Giovedì 14 Novembre 2019 — 19:24

Mediagallery

“Bentornato Dedo. Cento eventi per riabbracciare Modigliani”: Livorno riabbraccia Amedeo Modigliani nel centenario della morte (20 gennaio 2020) con un ricchissimo programma di eventi che si terranno in città fino a febbraio prossimo in concomitanza con la grande mostra “Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre” visitabile  al Museo della Città fino al 16 febbraio 2020. Un calendario di appuntamenti culturali, turistici e commerciali per omaggiare il grande artista e, in forma diffusa, per farne conoscere il genio, l’originalità e lo stile personalissimo che lo rende famoso in tutto il mondo.
Prima di affrontare la parte relativa ai cento eventi Salvetti ha voluto anche far chiarezza sull’aspetto del contratto firmato dal Comune di Livorno e Marc Restellini sulla mostra (diretta FB trasmessa da QuiLivorno.it).
“Nessun segreto, nessun sotterfugio – ha detto il primo cittadino in conferenza stampa mostrando le copie del contratto che poi ha distribuito alla stampa -Ecco qua l’accordo. Ve ne do una copia.

IL FRONTESPIZIO DELL’ACCORDO TRA RESTELLINI E COMUNE DI LIVORNO

Qui c’è tutto quello che è stato definito da alcuni come segreto. Se non è arrivato prima è per i tempi normali della burocrazia. La richiesta ufficiale degli atti è stata fatta a fine ottobre e ci sono 30 giorni di tempo a disposizione. Ecco tutto qua quello che c’è da sapere”. E quello che c’è da sapere era, in pratica già tutto detto alla città sin dai tempi della firma del contratto (16 settembre). Una mostra che è costata 1,255,000 euro, soldi che sono stati versati (attualmente solo in parte, il resto a fine mostra) su di un conto estero (Dubai) a favore dell’Institut Restellini. La modalità è 800mila euro alla firma e 455mila euro alla partenza dei dipinti a fine mostra. Un contratto dove si spiega, passo dopo passo per 16 pagine in formato A4 scritte in inglese, tutti i passi necessari per portare in porto la mostra “L’impegno del Comune è stato più oneroso di questa cifra – ha sottolineato il sindaco – se si considera i lavori per il restyling della piazza, che a fine mostra decideremo se tenere così o meno, e i lavori effettuati al museo ai fini di poter ospitare questi capolavori. In tutto circa un milione e novecentomila euro”.

Eventi collaterali – Murales, spettacoli teatrali, concerti, esposizioni, cicli di conferenze, rassegne cinematografiche, percorsi guidati, e tour in battello saranno tantissime le opportunità  per seguire “le tracce” di Amedeo e visitare i luoghi frequentati dall’artista, luoghi di vita e d’ispirazione.
Amedeo Modigliani è nato e cresciuto a Livorno, ed a Livorno ha sviluppato la sua capacità creativa partendo dalla scuola di Fattori e dall’arte macchiaiola. Il legame con la sua città natale non è mai venuto meno, tanto che più volte è tornato a Livorno nel corso della sua breve esistenza. Le iniziative messe in campo dalla città per il centenario hanno dunque anche questo obiettivo: valorizzare i luoghi di Modì e i tanti scorci cittadini che sono rimasti impressi nei suoi occhi e nel suo cuore.

Un’intera città che si muove intorno al Grande Evento “Modigliani” – Associazioni, enti, gallerie d’arte, fondazioni, accademie, commercianti, insegnanti ed operatori di qualsiasi settore hanno contribuito alla realizzazione di un cartellone integrato di appuntamenti, offerte e pacchetti  turistici (ovviamente in progress perché saranno tante altre le iniziative che si aggiungeranno nel corso dei prossimi mesi) rivolte ai visitatori che già stanno giungendo in città per la mostra ma anche per i livornesi che avranno l’opportunità di conoscere più approfonditamente l’arte del loro grande concittadino, il più straordinario pittore del Novecento.

“L’obiettivo dell’Amministrazione Comunale è di costruire intorno alla mostra di Modigliani eventi ed iniziative – dichiara il sindaco Luca Salvetti – Ma la soddisfazione più grande è di ricevere stimoli e proposte dai comitati, dalle associazioni e dai cittadini livornesi. Con la mostra di Modigliani stiamo partecipando ad una grande festa nella quale tutti sono coinvolti e tutti ne ricevono i benefici”.

“Questa mostra segna la strada che, come Amministrazione Comunale, vogliamo seguire da ora ai prossimi anni” –  aggiunge  l’assessore al Commercio e Turismo Rocco Garufo–  “La città sta rispondendo in maniera viva, il lavoro è in progress e già numerose sono le iniziative organizzate, oltre a pacchetti turistici e culturali molto articolati. Inoltre, tra breve, sarà allestito un punto informazioni alla Banchina Alto Fondale”.

“Tutti coloro che hanno lavorato e costruito per questa mostra hanno diritto di salire sul palcoscenico e godere del successo – ha affermato l’assessore alla cultura Simone Lenzi – L’Amministrazione comunale sta sostenendo il lavoro di centinaia di livornesi che stanno contribuendo, con le iniziative collaterali, a rendere la mostra, già di per sé eccezionale, un evento indimenticabile”.

Per il cartellone degli eventi “Bentornado Dedo. Cento eventi per riabbracciare Modigliani” vedi:  www.mostramodigliani.livorno.it.
Sul sito si possono ritrovare alla voce “Eventi”: le iniziative culturali, le iniziative commerciali, l’elenco dei ristoranti convenzionati e “Scopri Livorno” con i pacchetti turistici.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.