Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Chiude il caffè letterario “Le Cicale Operose”. “Continueremo come associazione”

Sabato 12 Novembre 2022 — 18:27

I titolari: "dopo circa 800 eventi culturali proposti, molti di altissimo livello, ci siamo sperimentati in una formula inedita per la città di Livorno, quella del caffè letterario. Un caffè letterario unico nel suo genere, poiché non solamente è stato approdo per artiste/i e letterate/i, ma anche e soprattutto perché è stato ideatore ed organizzatore di eventi"

“Con l’ultimo evento del 15 novembre, la presentazione in programma del libro di Valeria Parrella, Le Cicale Operose terminerà il suo meraviglioso viaggio”. E’ questo quello che si legge in un post pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale dai titolari dell’attività, Federico Fontana e Maristella Diotaiuti.
“In questi sei anni di attività – si legge sul social network – dopo circa 800 eventi culturali proposti, molti di altissimo livello, ci siamo sperimentati in una formula inedita per la città di Livorno, quella del caffè letterario. Un caffè letterario unico nel suo genere, poiché non solamente è stato approdo per artiste/i e letterate/i, ma anche e soprattutto perché è stato ideatore ed organizzatore di eventi, realizzati sempre in piena autonomia. Una delle produzioni più significative è certamente il lavoro di riemersione di una grande intellettuale, Beatrice Hastings, mediante pubblicazioni che, per la prima volta in Italia, e non solo, hanno consentito la scoperta della sua scrittura e del suo pensiero avanzato”.
Federico e Maristella ci tengono però a rassicurare, in qualche maniera, i tanti amici del caffè. “Le Cicale proseguirà il suo cammino sotto forma di associazione culturale, nella volontà di non disperdere il patrimonio acquisito e di dar voce alla poesia e alla letteratura ai livelli più alti possibile. Teniamo a ringraziare tutte e tutti coloro che hanno viaggiato insieme a noi, le/i partecipanti e le artiste, gli artisti, le autrici e gli autori che hanno dato vita e senso al nostro luogo”

Condividi:

Riproduzione riservata ©