Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Concerto dell’Orchestra del Conservatorio Pietro Mascagni

Giovedì 26 Maggio 2022 — 15:16

Sabato 28 maggio alle 18, al Teatro 4 Mori di Livorno, si tiene il concerto dell’Orchestra del Conservatorio Pietro Mascagni, nelle formazioni di orchestra da camera e nell’insolito ensemble di doppio quintetto di fiati

Sabato 28 maggio alle 18, al Teatro 4 Mori di Livorno, si tiene il concerto dell’Orchestra del Conservatorio Pietro Mascagni, nelle formazioni di orchestra da camera e nell’insolito ensemble di doppio quintetto di fiati. Ed è il doppio quintetto di fiati che apre il programma con il Divertimento op 36, del compositore e organista romantico francese Émile Bernard, scritto per la Chamber Music Society for Wind Instruments, società di concerti, francese a dispetto della denominazione, nata nel 1879 per diffondere e promuovere il repertorio di musica da camera per strumenti a fiato. La pagina, connotata da viva gaiezza, che si apre sovente a un respiro ampio di grande serenità, disegna, nei quattro movimenti in cui si sviluppa, le specifiche vocazioni dei diversi strumenti in una pagina. Ne sono interpreti Chiara Brugnoni e Shideh Massai al flauto, Federico D’Alesio e Jessica Spinelli all’oboe, Filippo Nuti e Adele Ceccanti al clarinetto, Lorenzo Vagnetti e Domenico Frondella al fagotto e Andrea Menicucci e Daniele Cofano al corno.

A seguire si ascolta la Sinfonia n. 14 in La maggiore Kv 114 composta nel 1771 da un Wolfgang Amadeus Mozart quindicenne appena rientrato a Salisburgo dal suo secondo viaggio in Italia, nei movimenti Allegro moderato, Andante, Menuetto, Molto Allegro, l’aria di Aminta, per soprano e violino solista L’amerò, sarò costante da Il Re Pastore Kv 208, Serenata in due atti che Mozart compone su versi di Pietro Metastasio, e l’aria Non più, tutto ascoltai, per soprano e violino solista, su versi di Lorenzo Da Ponte, che Mozart pose in apertura del secondo atto di Idomeneo: ne sono interpreti i soprani Gioia Pucci, nella prima aria e Veronica Niccolini, nella seconda, con Annamaria Fornasier al violino solista. Sul podio il direttore dell’Orchestra del Mascagni, Lorenzo Sbaffi.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti e nel rispetto delle norme attualmente in vigore in materia di prevenzione del contagio da Covid19.

Condividi:

Riproduzione riservata ©