Cerca nel quotidiano:


Danza. Sveva a 12 anni nella prestigiosa accademia di Cannes

Sveva ha compiuto 12 anni ad aprile ed è pronta per affrontare il più grande viaggio (in tutti i sensi) della sua vita entrando in una delle scuole di danza più prestigiose in Europa

mercoledì 04 Settembre 2019 16:47

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Dodici anni e un’idea ben precisa in testa: fare la ballerina. Un sogno che Sveva Paoli ha bene in mente sin da quando aveva cinque anni e ha messo le prime “punte”. Un sogno coltivato con dedizione e fatica, annaffiato tutte le sere dai genitori e dagli insegnanti che durante il suo percorso questo piccolo grande astro nascente della danza ha incontrato. Carattere e forza di volontà, cervello, fisico e lavoro. Il tutto condito da un’immensa passione per il ballo e la danza. Ecco che Sveva, al secondo anno di scuola media alle Bartolena di Banditella, ha riempito una valigia di speranze, l’ha richiusa e ha messo sopra un indirizzo: Cannes. Per la precisione l’Ecole de Danse Cannes-Mougins Rosella Hightower, una delle più prestigiose accademie di danza d’Europa dove le giovani promesse di tutto il Vecchio Continente si danno appuntamento per studiare, crescere e sbocciare nel panorama internazionale della danza.
“Sarà dura allontanarsi da lei – spiega la mamma Valentina contattata dalla redazione di Quilivorno.it – ma è il suo sogno. Quello per cui è nata. Faremo dei sacrifici sia emotivi che economici, indubbiamente, ma Sveva è molto determinata. Ha superato una dura selezione per arrivare a questo traguardo e venerdì 6 settembre la accompagneremo per questo viaggio che durerà, se tutto andrà bene, per sei anni”.
Una scuola a 360° dove Sveva dovrà percorrere il percorso canonico di studi portando avanti anche quello coreutico dedicato alla danza. Al termine di questo uscirà con un diploma superiore in mano e con i migliori palcoscenici mondiali alla portata di… audizione.
Un percorso reso possibile grazie all’attento lavoro quotidiano fatto al Laboratorio di Danza e Movimento con le sue insegnanti di “moderna” Giulia Diana e Cecilia Testi e con i suoi maestri di “classica” Mitzi Testi e Michele Politi.
A Cannes Sveva vivrà in un vero e proprio college dedicato alla danza dove le giornate saranno suddivise tra studio sui libri di scuola e ore passate alla sbarra. E il tutto dovrà essere portato avanti con un rendimento di eccellenza.
“Non basta avere un bel fisico, studiare e allenarsi molto – spiega Mitzi Testi – per diventare una grande ballerina. Serve soprattutto avere un bel cervello, una determinazione importante. Tutte doti che Sveva ha dimostrato fino ad oggi di possedere. Adesso la sfida più grande per Sveva anche dal punto di vista psicologico e logistico dove ci sarà da approcciarsi anche ad una lingua straniera. Questa d’altronde è una delle migliori scuole europee che ci possano essere. E’ un ottimo risultato quello raggiunto da Sveva che è riuscita ad entrare all’interno di un accademia che potrà offrirle anche un convitto. Cosa che in Italia ad esempio – continua Testi – pur avendo ottime scuole, una su tutti quella de La Scala, non esistono strutture in grado di ospitare con vitto e alloggio le studentesse. Per questo siamo ancora molto indietro se si pensa che queste esperienze sono rivolte per lo più a bambini che si affacciano all’adolescenza”.
Non resta che augurare il meglio a questa piccola grande promessa della danza con la consapevolezza che non ci sia niente di più gratificante ed emozionante di quando l’obiettivo si intreccia con un sogno e con l’augurio di poter vivere al meglio questo periodo con la giusta leggerezza, propria di una ragazza della sua età, di chi sta percorrendo un cammino fantastico.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Sara

    Grande cucciola! Un grande in bocca al lupo dalla tua zia!! ♥️

  2. # Elisabetta mangini

    Di questi tempi…..avete una figlia cosi’ giovane e determimata, in grado di avere un obbiettivo e una vocazione, cosi’ forti, è una benedizione. Sicuramente raggiunta con tanto sacrificio , e rinunce. Complimenti ai genitori, e tanta fortuna a Sveva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.