Cerca nel quotidiano:


Docufilm “1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani”

L'opera di Suber raccoglie e colloca nella prospettiva dell’oggi numerose testimonianze di vittime delle leggi razziste del 1938

Mercoledì 23 Gennaio 2019 — 07:01

Mediagallery

Il 23 gennaio, nell’ambito delle attività promosse dal Comune di Livorno per onorare il Giorno della Memoria del 27 gennaio, sarà presentato al Cisternino di Città il docufilm di Pietro Suber “1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani”. Proiettata in prima assoluta alla Festa del Cinema di Roma nell’ottobre scorso, l’opera di Suber raccoglie e colloca nella prospettiva dell’oggi numerose testimonianze di vittime delle leggi razziste del 1938, scandagliando anche lo scomodo capitolo di chi, di quelle leggi, si fece zelante esecutore.

L’evento si aprirà alle 15.30 con i saluti istituzionali, cui seguiranno gli interventi di Vittorio Mosseri, presidente della comunità ebraica livornese, dell’autore Pietro Suber e del produttore Dario Coen. Dopo la proiezione, che avrà inizio alle 16.00 e avrà una durata di 78 minuti, vi sarà spazio per una libera discussione che sarà aperta dal prof. Michele Battini, presidente del Centro interdipartimentale di studi ebraici nell’Università di Pisa, e dal prof. Valerio Di Porto, autore di numerose pubblicazioni sulla legislazione razziale fascista.

L’invito a partecipare a questo momento di conoscenza e di riflessione, aperto a tutti i cittadini livornesi, è rivolto in particolare agli istituti scolastici della città, ai loro studenti e ai loro insegnanti.

Riproduzione riservata ©