Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Due mostre fotografiche in occasione della Giornata contro la violenza di genere

Mercoledì 16 Novembre 2022 — 16:09

Il Comitato Pari opportunità del Consiglio dell’Ordine delle Avvocate e Avvocati di Livorno e la Camera Civile di Livorno aderiscono alla campagna di sensibilizzazione con due iniziative

Il Comitato Pari opportunità del Consiglio dell’Ordine delle Avvocate e Avvocati di Livorno e la Camera Civile di Livorno in occasione del 25 novembre “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza di genere” hanno ritenuto che anche questa Avvocatura di Livorno debba aderire alla campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su una delle più eclatanti e diffuse violazioni dei diritti umani. La classe forense, per il ruolo che riveste e per l’esperienza tecnica e umana che matura quotidianamente nelle aule di giustizia, non può che avere a cuore l’obiettivo del raggiungimento dell’uguaglianza di genere, unico presidio per arginare la violenza contro le donne ed i conflitti sociali, culturali ed economici che ne derivano. Il cammino verso la parità avanza anche attraverso l’arte, così quest’anno abbiamo deciso di allestire nei due palazzi di Giustizia una mostra che si articolerà in due progetti fotografici: nel Tribunale civile di via de Lardarel sarà esposto “Il (dis)valore delle donne” una riflessione sull’uso del corpo delle donne nella pubblicità. Nel Tribunale penale di Via Falcone e Borsellino verrà esposto “Padroni” una serie di ritratti di assassini che hanno ucciso le loro mogli/compagne. Le opere sono di Alessandro Fruzzetti fotografo molto attento ai temi di rilievo sociale che ha ottenuto importanti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale e che in questa occasione ha dedicato alla violenza di genere una serie di fotografie che riescono a lasciare in colei o colui che guarda una emozione riflessiva sul tema che difficilmente potremmo dimenticare: ed è questo il nostro scopo in quanto una donna su tre ogni giorno subisce violenza.

Condividi:

Riproduzione riservata ©