Cerca nel quotidiano:


Ecco la spettacolare videoinstallazione Immersiva a Dogana d’Acqua

“Geremia. Porto naturale”, l’intento dell’iniziativa era quello di raccontare in maniera particolare e inconsueta gli aspetti più affascinanti delle ricerche portate avanti dall’Ispra e dai partner del progetto Geremia

Sabato 19 Giugno 2021 — 08:01

Mediagallery

Il 18 giugno, a partire dalle 21,30, si è tenuta alla Dogana d’Acqua (ad accesso libero e gratuito da via del Cedro 38) l’evento “Geremia. Porto naturale”, una videoinstallazione immersiva nello spazio di proprietà comunale che di recente è tornato a rivivere (foto e video del nuovo capolavoro Immersiva di Amore Bianco, trovate i link in fondo all’articolo). L’intento dell’iniziativa era quello di raccontare in maniera particolare e inconsueta gli aspetti più affascinanti delle ricerche portate avanti dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e dai partner del progetto Geremia (Gestione dei reflui per il miglioramento delle acque portuali). “Il Comune ha sostenuto con molto entusiasmo questo evento particolare di divulgazione scientifica – ha detto l’assessore al porto Barbara Bonciani, durante la conferenza stampa di presentazione – Oltre alla diffusione dei risultati del progetto Geremia sono convinta che quest’evento potrà fare conoscere e dare risalto a un luogo, come la Dogana d’Acqua, che l’amministrazione ha appena riqualificato e dove hanno sede altri importanti istituti di ricerca”.
Per il direttore generale dell’Ispra Alessandro Bratti si tratta di un’occasione molto importante: “Ci permette di mostrare in modo completamente innovativo i risultati di un progetto molto importante, ci è molto piaciuta l’idea di fare questa attività divulgativa così particolare”. Il responsabile della sede Ispra di Livorno David Pellegrini è entrato più nel dettaglio del progetto: “Si tratta di un programma transfrontaliero, che ha coinvolto anche l’università di Tolone, Oristano, insieme ai porti di Genova, La Spezia e Olbia. Obiettivo del progetto era arrivare a un miglioramento delle acque portuali e posso dire che le condizioni sono migliorate a livello ambientale durante il lockdown del 2020”. E il porto di Livorno? “Le acque intorno al nostro scalo – ha commentato Pellegrini – posso assicurare che la situazione non è così negativa come si potrebbe pensare”. Si tratta del primo evento di Immersiva in questo 2021: “Abbiamo cercato di fondere ambiente e tecnologia, è stato un lavoro complicato – ha commentato Daniele Mirani – però i nostri creativi e ricercatori di Ispra sono riusciti a giungere all’obiettivo di regalare alla città un’esperienza e un evento così particolare, di vedere proiettati su un edificio storico, tra i vari organismi e animali marini, plancton ed embrioni di ricci di mare”.

Riproduzione riservata ©