Cerca nel quotidiano:


Eteria, ecco il singolo “Legato al tuo mondo” che anticipa l’album “Motel 6”

"Legato al tuo mondo" racchiude la voglia di evadere da un rapporto che non trova lo spazio e la luce necessaria per vivere liberi, ma che soprattutto non permette di essere visti per quello che siamo

Domenica 20 Marzo 2022 — 17:47

Mediagallery

Primo singolo degli Eteria che anticipa l’album “Motel 6”. “Legato al tuo mondo” racchiude la voglia di evadere da un rapporto che non trova lo spazio e la luce necessaria per vivere liberi, ma che soprattutto non permette di essere visti per quello che siamo. Girato tra il mare e i locali, tra divertimento e professionalità, tra musica ed emozioni.

Editore: Dreihunde Edizioni
Riprese: Filippo Del Bubba
Tecnico: Alfonso Della Rocca
Prodotto: ARPRODUCTION SRL

Gli Eteria sono un gruppo formatosi dal rinnovamento concettuale dell’ex band “Nothing Street” e dalla tenacia dei fratelli Fenzi, Francesco (Guitar and Song Writer) e Cristiano (Lead Guitar), nel credere in un progetto legato interamente all’amore per la musica. Progetto al quale si sono uniti nel 2018 Alessio Succi (Lead Voice) mentre nel 2019 Federico Sireci (Drums and Chorus), Saverio Morisi (Bass) e in occasione della registrazione del loro album “Motel 6” si vede la collaborazione di Daniele Corsi (Tastiere).
Lo stile degli Eteria nasce, come in ogni gruppo, dalla fusione di esperienze musicali passate di ciascun componente. L’impronta Hard Rock della voce di Alessio si fonde perfettamente con il Beat Punk/Rock della batteria di Federico, al groove versatile e preciso del basso di Saverio, alla chitarra Grunge di Francesco ed al suono in perfetto stile American Rock della chitarra di Cristiano.
Nasce così un rock italiano ibrido che fa da tappeto sonoro al pensiero di cinque ragazzi ed alle loro esperienze di vita.

La prerogativa principale del gruppo è il potere della creazione in condivisione. Ogni canzone nasconde l’anima di ciascun componente e ne racchiude in se forza e debolezza, come del resto è l’essenza della musica stessa.

Riproduzione riservata ©