Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Fondazione Livorno-Università di Firenze: giornata di studi su Madiai e la pittura livornese

Martedì 17 Gennaio 2023 — 10:04

Nell’occasione, sarà presentato il volume Tracce di memoria. Studi intorno all’arte di Mario Madiai, curato da Giorgio Bacci e Cristiano Giometti e stampato da Bandecchi & Vivaldi, che riassume il lavoro fatto dagli studenti lo scorso anno. L’artista Mario Madiai parteciperà all’iniziativa

Un viaggio in collezione costituisce, dopo quella dello scorso anno dedicata all’opera di Mario Madiai, venerdì 20 gennaio dalle 9,15 ecco la seconda giornata di studi organizzata da Fondazione Livorno e Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici dell’Università di Firenze, con l’obiettivo di valorizzare artisti e opere presenti nella collezione dell’Ente.

Nel corso del 2022, gli studenti di Storia dell’arte contemporanea e di Catalogazione dei beni culturali, seguiti dai professori Giorgio Bacci e Cristiano Giometti, con la collaborazione del personale della Fondazione Livorno, hanno condotto ricerche specifiche su lavori importanti di alcuni dei maggiori artisti toscani compresi tra la fine dell’Ottocento e l’inizio degli anni Duemila. La giornata di studi aperta al pubblico consentirà dunque di conoscere i risultati degli approfondimenti che hanno riguardato, tra gli altri, pittori come Giovanni Fattori, Angiolo Tommasi, Giovanni March, Giovanni Lomi, Ferruccio Rontini, per arrivare a Ferdinando Chevrier, Daniel Schinasi e Renato Spagnoli.

Nell’occasione, sarà presentato il volume Tracce di memoria. Studi intorno all’arte di Mario Madiai, curato da Giorgio Bacci e Cristiano Giometti e stampato da Bandecchi & Vivaldi, che riassume il lavoro fatto dagli studenti lo scorso anno. L’artista Mario Madiai parteciperà all’iniziativa.

PROGRAMMA

9.15 – Saluti della Fondazione Luciano Barsotti, Presidente Fondazione Livorno

9.30 – Presentazione del volume: Tracce di memoria. Studi intorno all’arte di Mario Madiai,

a cura di Giorgio Bacci e Cristiano Giometti, Fondazione Livorno, 2022

Tra Otto e Novecento: dai macchiaioli al naturalismo toscano modera Giorgio Bacci, Università degli Studi di Firenze

9.45 – Anna Flavia Rosati, “Dallo studio del vero all’emozione del vero: l’evoluzione della macchia nella pittura   toscana tra Otto e Novecento”

10.00 – Annadea Salvatore, “Uomini col mantello di Giovanni Fattori”

10.15 – Maria Camilla Palleschi, “Oltre la macchia: Silvio Bicchi e il Naturalismo toscano”

10.30 – Maria Salerno, “Angiolo Tommasi: la poetica del vero nel mondo contadino toscano”

10.45 – Anna Flavia Rosati, “Torre del Lago: lo sguardo pittorico di Eugenio Cecconi e il Club la Bohème

11.00 – Pausa caffè

Il Gruppo labronico e dintorni modera Cristiano Giometti, Università degli Studi di Firenze

11.15 – Sergio Taddei, “La pittura del Gruppo Labronico: esiti eterogenei della tradizione macchiaiola”

11.30 – Giada Ruggiero, “Il Gruppo Labronico e la città di Livorno: il caso di Renato Natali”

11.45 – Aurora Fapanni, “La Convalescente di Giovanni March, assimilazione della lezione pucciniana negli studi di figura umana”

12.00 – Gaia Mazzacane, “Il mare bagna Livorno: Giovanni Lomi, il Gruppo Labronico e le marine”

12.15 – Sergio Taddei, “Ferruccio Rontini, il messaggio verista tra descrizione ed elegia”

Il secondo Novecento

modera Costanza Musetti, Fondazione Livorno

12.30 – Eleonora Zagaria, “La poliedricità livornese: diverse tendenze artistiche dal Novecento a oggi”

12.45 – Martina Di Veglia, “Daniel Schinasi: la dimensione umana nell’ottica neofuturista”

13.00 – Eleonora Zagaria, “Ferdinando Chevrier: l’astrattismo dentro e fuori Livorno”

13.15 – Francesca Menchetti, “La lettera A di Spagnoli tra simbologia e spazialità”

Condividi:

Riproduzione riservata ©