Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Presentata Garibaldissima, seconda edizione. Il programma

Domenica 26 Giugno 2022 — 12:42

Ogni martedì, mercoledì e giovedì a partire dalle 21.30 dal 28 giugno al 28 luglio in piazza Garibaldi. Obiettivo, “presidiare culturalmente” una zona che presenta delle problematiche legate alla criminalità. Direzione artistica di Claudio Marmugi

di Giulia Bellaveglia

Garibaldissima torna, per il secondo anno consecutivo, ad animare gli spazi di piazza Giuseppe Garibaldi ogni martedì, mercoledì e giovedì a partire dalle 21.30 dal 28 giugno al 28 luglio (clicca QUI per leggere il programma completo). Organizzata dalla Fondazione Teatro Goldoni in collaborazione con il Comune di Livorno, la kermesse completamente gratuita propone un programma ricco e particolare, composto da tanti interventi, alcuni comici, altri di teatro molto serio. Obiettivo, “presidiare culturalmente” una zona che presenta delle problematiche legate alla criminalità.
La direzione artistica è affidata, anche per questa seconda edizione, a Claudio Marmugi. “Una forma di teatro che nasce in una condizione spartana – dice – Un tipo di spettacolo pensato proprio in questo senso, una cosa molto semplice. L’artista, il palco e poco più. Quest’anno ci sarà inoltre molta più performance e meno musica. Sposo a pieno l’idea che dove ci sia cultura ci sia sicurezza, un tema fondamentale. Protagonisti tanti livornesi ma anche tante nuove note sperimentali. Le sedute sono 50, ma l’intero spazio è ovviamente a disposizione, smontato e rimontato in continuazione da Federico De Majo. Ci tengo a dirlo perché senza di lui questo festival non sarebbe possibile”. “Si torna a proporre qualcosa che la scorsa edizione funzionò benissimo – aggiunge il sindaco Luca Salvetti – Una piazza che ha avuto e continua ad avere delle criticità e che, di giorno, le risolve in parte attraverso la rivitalizzazione delle baracchine presenti, o almeno come amministrazione comunale ci stiamo interrogando in tal senso. Nelle ore serali però, serve sicuramente qualcosa di diverso, oltre al consueto controllo delle forze dell’ordine che stanno facendo veramente un ottimo lavoro. Una presenza di riflettori, di eventi, di appuntamenti che propongano divertimento, cultura, coinvolgimento delle persone, degli abitanti e di chiunque. Questa rassegna tra l’altro è stata una delle migliori nel rapporto qualità/prezzo. Ci abbiamo investito certo, ma molto meno che in altre e il riscontro del coinvolgimento è stato massimo”. 

Condividi:

Riproduzione riservata ©