Cerca nel quotidiano:


Museo della Città, visita guidata della mostra Magazzini generali

Sabato 11 e domenica 12, sempre alle 17, visite guidate e sabato 11 alle 18 incontro con Fabio Viola su L’arte, nuove tecnologie applicate alla cultura. INFO: 0586-824551, mail [email protected]

Martedì 7 Dicembre 2021 — 17:48

Mediagallery

Appuntamenti da non perdere anche questo fine settimana al Museo della città in occasione della mostra “Magazzini generali. Le collezioni livornesi dai depositi al museo” ideata da coop.Itinera in collaborazione con il Comune di Livorno.

Sabato 11 dicembre 

ore 17.00 XVII giornata del contemporaneo: visita guidata alla collezione permanente ed alla Mostra

Sabato 11 dicembre torna la Giornata del Contemporaneo. La grande manifestazione promossa da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani –, che da diciassette anni coinvolge musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, studi e spazi d’artista per raccontare la vitalità dell’arte contemporanea nel nostro Paese.  In occasione dell’evento sarà organizzata una visita guidata speciale che toccherà sia la sezione di arte contemporanea all’interno della mostra Magazzini Generali, sia la collezione permanente di arte contemporanea del Museo della Città. Ci si soffermerà principalmente su quegli artisti che nel corso della loro carriera si sono dedicati alle arti performative. Si prevede quindi solo il costo di ingresso al museo

Visita guidata gratuita

ore 18.00 L’ARTE DIGITALE – LE NUOVE FRONTIERE DELLA PRODUZIONE E CONSUMO CULTURALE TRA ATOMI E BYTE

incontro con Fabio Viola

Oggi larga parte delle espressioni artistiche della contemporaneità transitano attraverso byte più che atomi. Arti che nascono nel solco di una cultura di tanti per tanti in cui cambiano i meccanismi di produzione, circuitazione e consumo. Da Tik Tok ai videogames è un fiorire di immagini interattive in diretto superamento delle storicizzate forme di immagini statiche ed immagini in movimento; come cambiano le istituzioni culturali per trasformare lo spettatore in spettattore e finanche spettautore? Fabio Viola, docente universitario ed autore di saggi e designer di videogiochi affronterà questi interessanti ed attuali temi. Viola ha lavorato per aziende internazionali come Electronic Arts Mobile e Vivendi Games su titoli iconici come Fifa, The Sims, Harry Potter. Considerato uno dei più influenti gamification designer al mondo, ha fondato il collettivo internazionale Tuo Museo specializzato nell’intersezione tra patrimonio culturale e media interattivi.  Tra i suoi progetti Father and Son per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, The Medici’s Game per Palazzo Pitti, Past for Future per il Marta di Taranto e A Life in Music per il Teatro Regio di Parma.

Si prevede solo il costo di ingresso al museo.

Domenica 12 dicembre ore 17.00

Visita guidata generale della mostra “Magazzini generali”

Costo ingresso museo + 2 euro visita guidata

Prenotazione consigliata a tutti gli eventi, posti limitati.

Per informazioni segreteria museo della città tel: 0586-824551 e-mail: [email protected]

FABIO VIOLA a Livorno
Pioniere della gamification, inizia la sua carriera nel 1997 collaborando con le prime testate online di videogiochi. Dopo aver diretto joypad.it e XboxItalia.com per il network Multiplayer.it e la rivista Cartacea Giocare con il Cellulare, fonda a 23 anni una delle prime start up italiane legate al nascente mondo del gioco su cellulare. Collabora con i principali operatori telefonici internazionali lanciando nel 2014 uno dei primi mmorpg mobile, Ancient Legion Legion sbarca su Vodafone, Multiplayer.it. Nel 2005 inizia la sua collaborazione con la neonata divisione mobile di Electronic Arts in veste di responsabile comunicazione e marketing; negli anni ha contribuito al lancio di decine di popolari franchising video-ludici: Fifa, The Sims, SimCity, Harry Potter, The Simpsons, Need for Speed, Tetris. Nel 2007 diventa country manager per il Sud Europea della divisione mobile di Vivendi Games gestendo il lancio su piattaforme mobile di brand come Prison Break, Leisure Suit Larry e Crash Bandicoot. Nel 2010 è tra i pionieri della neonata gamification fino a diventarne uno dei cinquanta principali gamification designer al mondo, a cui ha contribuito con diversi saggi, tra cui “Gamification – I Videogiochi nella Vita Quotidiana” e con il primo blog italiano di settore Gameifications.com – Blog di Fabio Viola Gameifications.com. Sono anni di intense collaborazioni con aziende, italiane e straniere, che daranno vita a numerosi progetti di coinvolgimento e partecipazione attiva portando all’attenzione del grande pubblico il potenziale delle meccaniche e dinamiche dei giochi applicati a contesti non ludici. All’attività di gamification designer si affianca l’insegnamento ed il coordinamento dei primi corsi italiani focalizzati sulla disciplina. Coordinatore del Corso di Alta Formazione in “Gamification ed Engagement Design”Corso Gamification ed Engagement Design, IED Milano per IED Milano e dell’area gaming per la Scuola Internazionale Comics di Firenze, ha collaborato e collabora con numerose università italiane (Palermo, Ravenna, Nuova Accademia Belle Arti di Milano, Sapienza di Roma) su moduli legati alla “gamification” ed all’ “audience engagement”. Nel 2013 assume il ruolo di game designer capo per il gruppo internazionale G-Tech/Lottomatica occupandosi della progettazione e design di numerosi social e mobile games a marchio Heartbit Casino. Nel 2017 fonda il collettivo internazionale di artisti e creativi TuoMuseo nato per favorire l’intersezione tra gaming e cultura. I videogiochi come strumento a supporto delle politiche culturali ed, al contempo, pronti a rivendicare il loro essere espressione artistica e culturale della contemporaneità di ArTribune. Sono anni di sperimentazione e produzione. Nel 2017, in veste di produttore e game designer, firma il videogioco narrativo Father and Son pubblicato dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Dopo il successo internazionale con oltre quattro milioni di download, arriva nel 2018 Past for Future per il Museo della Magna Grecia di Taranto. La seconda produzione del collettivo, firmata nel game design game da Fabio Viola, vince il premio come miglior progetto digitale dell’anno per la rivista ArtTribune. Seguono numerosi altri progetti di gioco digitale: Firenze Game, Beyound our Lives, The Medici Game, A Life in Music che portano il tema del gioco come cultura nel dibattito italiano ed europeo e consacrano Fabio Viola come sceneggiatore di storie interattive.

Riproduzione riservata ©