Cerca nel quotidiano:


Gran Galà di capodanno al Teatro Cral Eni

Capodanno col botto al Teatro Cral Eni che organizza il tradizionale veglione di fine anno in programma la sera di San Silvestro venerdì 31 dicembre con inizio alle 21,30 (ingresso in sala dalle 21) con doppio spettacolo e brindisi di mezzanotte

Mercoledì 15 Dicembre 2021 — 21:57

Mediagallery

Capodanno col botto al Teatro Cral Eni che organizza il tradizionale veglione di fine anno in programma la sera di San Silvestro venerdì 31 dicembre con inizio alle 21,30 (ingresso in sala dalle 21) con doppio spettacolo e brindisi di mezzanotte.

Nella prima parte della serata la Compagnia del Sesto Piano presenterà la nuova commedia brillante in “livornese parlato” dal titolo “E che Natale sia” scritta da Marco Chiappini che ne è l’autore come tutti i testi portati in scena, questa volta si mette anche dietro il banco della regia per la prima volta.

Felice, come tutti gli anni, si reca per le festività Natalizie con la moglie Gioia presso un villaggio turistico, affittando il consueto Cottage come tutti gli anni pensando di passare una quindicina di giorni di meritato riposo, questa volta ancor di più visto che la moglie deve rientrare in città per fare gli ultimi preparativi relativi ad una fiera benefica, di cui è l’organizzatrice, accompagnata dalla domestica Clementina; Felice rimasto solo in compagnia dell’anziana zia, che come sempre li segue, vista la sua situazione mentale instabile, si pregusta qualche giorno di assoluto ozio, lettura e tranquillità. Tutto questo, però ,verrà sconvolto con l’arrivo del suo Capoufficio che lo coinvolgerà in una situazione tutt’altro che tranquilla, infatti il commendator  Buccioni pensa di passare una notte di fuoco con una sua giovane impiegata affittando a sua volta un cottage a fianco di quello di Felice, facendo leva sul suo impiegato affinché porga un aiuto a nascondere la sua scappatella, tutto questo porterà ad una serie di colpi di scena, scambi di persona e personaggi a volte surreali; uno sciopero dei treni, un arrivo inaspettato ed un rientro anticipato metterà a dura prova i due fino alla conclusione a sorpresa… lieto fine oppure no? Quello che non mancherà sarà la morale, che come sempre farà da cardine di tutta la vicenda.

Sul palcoscenico saliranno Marco Chiappini (Felice Gimondi), Cristina Silvestri (Gioia Gimondi), Daniela   Amendolia (Clementina, la domestica), Stefano Valdiserri (Palmiro Buccioni), Silvia Sottoscritti (Patrizia    Buccioni), Giuliana Vivo (Zia Esterina), Maria D’eramo (Linda Girardengo), Mario Botteghi (Silvio Titteri), Aldo Corsi (dottor Mirno Monteghi), direzione di scena Manuela Boldrini.

Allo scoccare della mezzanotte ci sarà un grande brindisi di augurio al nuovo anno con Spumante dolce e secco, pandoro e panettone servito individualmente al pubblico in una cornice di musica e divertimento.

Alle ore 00,30 partirà il secondo spettacolo presentato dalla Compagnia Lirica Livornese dal titolo Saluti e Baci, un tuffo nel passato ridanciano dell’Avanspettacolo.

L’Avanspettacolo è un genere di spettacolo teatrale comico sviluppatosi in Italia fra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta. Questo genere derivò storicamente dal Varietà per favorire i teatri che si convertivano alla più moderna realtà del cinematografo. Le compagnie di Varietà elaborarono così una forma di spettacolo abbreviato, che potesse intrattenere il pubblico in sala in attesa del film. L’Avanspettacolo fu in realtà un trampolino di lancio di molti grandi attori teatrali e cinematografici italiani tra cui Peppino De Filippo, Totò, Aldo Fabrizi, Lino Banfi e il grande Alberto Sordi.

Così questo genere di spettacolo, ormai dimenticato, tornerà in scena e vedrà la partecipazione del comico Matteo Micheli con le sue irresistibili macchiette, insieme alla frizzante soubrette Paola Pacelli, al tenore Massimo Gentili, una delle più promettenti e interessanti voci del panorama lirico italiano e Franco Bocci, conoscitore ed estimatore di questo genere teatrale, che condurrà la serata proprio come ai vecchi tempi dell’Avanspettacolo nei numerosi teatri italiani degli anni trenta. La direzione musicale al pianoforte sarà di Stefania Casu.

Alle 1,30 a conclusione della serata il grande Aldo Corsi tornerà sul palco con le sue irresistibili barzellette a raffica per la felicità del pubblico.

Informazioni e prenotazioni al numero: 0586 401308 – 328 3725028 – 328 3559716.

Ingresso in teatro ore 21.00, dal 27 dicembre sono aperte le prenotazioni per il secondo spettacolo e barzellette a raffica con inizio alle ore 00,30.

Riproduzione riservata ©