Cerca nel quotidiano:


Guttuso, Morandi, Carrà e tanti altri in mostra al Museo di Città

Fino al 31 gennaio 2021 in mostra le opere di Maestri del calibro di Morandi, Carrà, Guttuso, Vedova e molti altri. Per prenotazioni: 0586.824551, [email protected]

Venerdì 30 Ottobre 2020 — 18:23

di Jessica Bueno

Mediagallery

Salvetti: "Una mostra in un momento simile è il modo migliore per dimostrare che siamo capaci di andare avanti"

Dopo il grande successo della mostra di Modigliani, il Museo della Città ospiterà un altro rilevante percorso espositivo: la mostra “Vissi d’Arte – Cento capolavori dalle collezioni Della Ragione e Iannaccone” (foto Amore Bianco) che sancisce la collaborazione tra Comune di Livorno con Firenze e il suo Museo Novecento. Il progetto è ideato dal direttore del Museo Novecento Sergio Risaliti e da lui curato insieme ad Eva Francioli ed Elena Pontiggia. In mostra ci saranno opere di Maestri del calibro di Giorgio Morandi, Carlo Carrà, Renato Guttuso, Emilio Vedova, Renato Birolli, Mario Mafai, Scipione e Filippo De Pisis; e ancora Felice Casorati, Aligi Sassu, Ottone Rosai, Carlo Levi e Fausto Pirandello. Opere di altissima qualità pittorica esposte in un percorso dialettico dal forte impatto visivo. Verrà aperta al pubblico dal 31 ottobre fino al 31 gennaio 2021. La capienza massima consentita, in ottemperanza al Dpcm, sarà di 50 persone. Sarà visitabile dal martedì alla domenica con orario continuato 10-19. Il sabato e la domenica sarà possibile usufruire di visite guidate di 50 minuti.
Come novità, in linea con le realtà museali più importanti, verrà sperimentato un nuovo servizio di supporto alla fruizione della mostra con l’obiettivo di facilitare l’orientamento dei visitatori allo spazio espositivo e ai contenuti specifici delle collezioni attraverso due iniziative specifiche: “Pillole d’arte” e “Benvenuti al polo culturale dei Bottini dell’Olio”. Il primo consente di mettere a disposizione dei visitatori un esperto di arte all’interno della sala che farà da mediatore, fornendo strumenti utili e di base alla lettura autonoma delle opere esposte (da martedì a venerdì dalle 15 fino alle 19). Il secondo ha sempre al centro un esperto d’arte che accoglierà i visitatori presentando brevemente il polo culturale ed i suoi servizi, illustrando l’organizzazione della mostra e gli elementi più significativi (dal martedì al venerdì alle 15, 16, 17, 18 con durata di 15 minuti”.

“In questa fase – dice il sindaco Luca Salvetti – tornare a parlare di arte è un sospiro di sollievo, anche se la mente rimane comunque accorata alle vicende che stanno accadendo. Abbiamo bisogno di curare il nostro umore e la nostra sensibilità per affrontare al meglio questa situazione. Ciò non significa ignorare il negativo, ma imparare a conviverci. Una mostra in un momento simile è il modo migliore per dimostrare che siamo capaci di andare avanti”. “A Firenze abbiamo inaugurato una mostra su Dante – conclude Sergio Risaliti, direttore del Museo Novecento di Firenze e curatore della mostra- Ho chiesto un applauso a tutti i presenti per tutti coloro che hanno lavorato e si sono impegnati in questa difficile fase per quella mostra e lo chiederò anche oggi per Livorno. Lo meritiamo. Non si deve rispondere all’emergenza con l’impotenza. In mancanza di esperienze che possano curare l’anima, il corpo è più facilmente vittima di debolezza. Non mi interessano i grandi numeri, ma l’arricchimento individuale dei singoli”.
“Sono due collezioni molto importanti – afferma l’assessore alla cultura Simone Lenzi – Offrono uno spaccato completo della cultura italiana del Novecento e tessono un filo doppio di connessione tra Livorno e Firenze. Non è stato facile organizzare questa mostra in questo periodo di emergenza sanitaria. Siamo andati avanti per dare un segnale di normalità e vitalità. Per sopravvivere non basta solamente la salute fisica, bisogna nutrire e ravvivare anche quella dell’anima”.

Informazioni e costi:

Luogo: Museo della Città – piazza del Luogo Pio.

Costi: biglietto intero 8 euro; ridotto 5; visita guidata di 50 minuti, sabato e domenica alle 15,30 e alle 17, 2 euro a persona (con prenotazione). Per partecipare alle visite guidate è necessario inviare una mail a [email protected] specificando nome, cognome e numero di partecipanti. Verrà inviata una mail di conferma della prenotazione. Se impossibilitati a inviare e-mail, è possibile contattare la segreteria del museo allo 0586.824551 dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18.

Riproduzione riservata ©