Cerca nel quotidiano:


Il Flamenco diventa un flash mob in tre luoghi della città

El Flamenco es vida. Questo lo slogan che vedrete indosso al corpo di ballo stampato sulle t-shirt dove sarà raffigurata l'immagine di un toro, una ballerina, un torero e una rosa

venerdì 19 Luglio 2019 11:22

Mediagallery

Il Flamenco, cultura e tradizione a spasso per la città di Livorno. Sono stati scelti tre punti storici di Livorno che offrissero oltre allo spazio per esibirsi, un fondale scenico ed una cornice  naturalmente bella e di valore storico culturale, dove poter inscenare un’arte altrettanto importante come il Flamenco. Inoltre le chiese, in terre andaluse, spesso accolgono forme d’arte di questo tipo, il Flamenco manifesta in sé una forte componente religiosa e il legame con la fede è molto presente nella tradizione.
Flash mob in programma martedì 23 luglio in tre tappe: una coreografia di 4 minuti, sulle note del brano Como el agua del famoso cantaor Camaron de la Isla, sarà danzata da un gruppo di ben 20 ballerini preparato appositamente dalla coreografa Patrizia Vennero, ideatrice ed organizzatrice del flashmob, direttrice di Flamenco Livorno Danza & Spettacolo.

Tutti loro ci hanno creduto e dopo solo 5 incontri preparatori, (alcuni dei partecipanti senza possedere basi di danza, altri con poca conoscenza di ballo) scenderanno dal palcoscenico per esibirsi nella strada, un po’ per ricordare le origini di questo ballo, che non nasce come spettacolo, bensì dalla terra, nelle case, nelle famiglie, dal popolo.

Quindi lo scenario sarà proprio la strada. Si esibiranno  davanti al Duomo (alle 18), in Terrazza Mascagni (alle 19) per finire davanti alla chiesa di San Jacopo (alle 20). Vogliamo entrare in contatto diretto e ravvicinato con un pubblico non scelto, di spettatori casuali della strada, far conoscere alla gente comune il flamenco, in questo caso il ballo, spesso, purtroppo, ancora confuso con quello di altre culture.

Il Flamenco è Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco dal 16 Novembre 2010. Anche in Italia molte sono oramai le città che parlano di questa meravigliosa arte, e Livorno ha radicata da tempo una sua realtà molto attiva, alla quale si avvicinano sempre più appassionati, interessati a voler conoscere questo grande mondo.

Il Flamenco, canto, musica e ballo, un solo corpo, nasce come esigenza di comunicare, esprimere e sfogare le gioie e i dolori dell’esistenza. La musica è ricca di varietà di palos, ovvero di generi musicali, ciascuno con ritmiche diverse. Il canto racconta, malesseri o gioie, e il ballo interpreta rielaborando col suo linguaggio interiore quello che il canto esprime, il tutto in stretta relazione e simbiosi con l’elemento musica, in un unico corpo. Nel Flamenco il ballo è individuale non è un ballo di coppia come erroneamente si possa credere. E’ un ballo introspettivo, di ricerca interiore, che ti porta a contatto con la tua parte più intima, un’espressione forte che parte dal profondo. Nel Flamenco si racconta il brutto e il bello della vita, esiste infatti anche la parte più gioiosa, di condivisione e socializzazione..

El Flamenco es vida. Questo lo slogan che vedrete indosso al corpo di ballo stampato sulle t-shirt dove sarà raffigurata l’immagine di un toro, una ballerina, un torero e una rosa. Una metafora per invitare all’amore, alla gentilezza, alle passioni pure, un invito a prediligere le sane tradizioni.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.