Cerca nel quotidiano:


Il fotografo internazionale Martin Parr a Livorno

Martin Parr, internazionalmente riconosciuto come uno dei più grandi fotografi contemporanei, ha trasformato la foto documentaristica in foto d’arte attraverso un punto di vista estremamente originale e un uso del colore esasperato

Martedì 3 Marzo 2020 — 12:18

Mediagallery

Martin Parr, internazionalmente riconosciuto come uno dei più grandi fotografi contemporanei, ha trasformato la foto documentaristica in foto d’arte attraverso un punto di vista estremamente originale e un uso del colore esasperato. Fotografo della prestigiosa agenzia parigina Magnum, arriva a Livorno per presentare la mostra “Life’s a beach”. L’esposizione verrà inaugurata il 2 aprile 2020 alle  18 ai Granai di Villa Mimbelli (via San Iacopo in Acquaviva, 63) sede del Museo Fattori alla presenza dell’artista.
Saranno 56 le fotografie esposte e racconteranno il mondo dei bagnanti nel loro tempo libero, mentre stanno distesi al sole, senza “difese”, in costume da bagno, mentre si rilassano. La mostra, che assume significati molteplici relazionata a Livorno, da sempre città del mare che della balneazione ha fatto un sistema di vita, è promossa dalla Fondazione Laviosa in collaborazione con il Comune di Livorno e l’agenzia Magnum di Parigi. “Martin Parr – spiega Serafino Fasulo, art director Fondazione Laviosa– è un reporter della quotidianità, lavoratore dello sguardo, che fotografa abitudini e costumi che raccontano l’animo umano, smascherando i luoghi comuni dietro ai quali spesso si nascondono trivialità, grottesco, cultura degradata. È capace di vedere ciò a cui siamo assuefatti e metterci davanti a uno specchio che rimanda un’immagine tutt’altro che gratificante. Riesce a trovare grandi temi di riflessione sulla condizione umana con un umorismo che rasenta il sarcasmo, ponendoci, per una volta, non di fronte ai vizi degli altri ma ai nostri”.
Il 2 aprile alle 18 conferenza di presentazione della mostra nella Sala degli Specchi di Villa Mimbelli e poi trasferimento e taglio del nastro ai Granai.
La mostra sarà visitabile, fino al 31 maggio, dal venerdì alla domenica con orario 10-13 e 16-19.

Riproduzione riservata ©