Cerca nel quotidiano:


Il Grattacielo a Effetto Venezia

La Via dell'Arte è un percorso che unisce fisicamente e virtualmente Il Centro artistico Il Grattacielo (via del Platano) con Mercemarcia (via Oberdan) e con Spazio (via Ginori). Da venerdì 21 a domenica 23 agosto

Martedì 18 Agosto 2020 — 17:08

Mediagallery

Con la via dell’Arte il Centro artistico Il Grattacielo accenderà le luci su piazza XX settembre nell’ambito di Effetto Venezia.
La Via dell’Arte è un percorso che unisce fisicamente e virtualmente Il Centro artistico Il Grattacielo (via del Platano) con Mercemarcia (via Oberdan) e con Spazio (via Ginori). Da venerdì 21 a domenica 23 agosto (e poi la settimana successiva, dal 28 al 30 agosto) dalle ore 19 alle 20.30 si svolgeranno eventi che partiranno dalle suddette realtà per accompagnare lo spettatore fino allo spettacolo di “Praticamente piazza XX” delle ore 21 sul grande palco di Piazza XX settembre. La programmazione degli spettacoli è a cura di Eleonora Zacchi, tutti gli eventi saranno introdotti dalla stessa, insieme a Luca Salemmi e Riccardo De Francesca.

Altre performance saranno organizzate a partire dalle 22.30 alle 23.30 esclusivamente nel foyer del Centro Artistico Il Grattacielo e chiuderanno tutte le serate.

Ecco il programma, ricordiamo che per assistere agli spettacoli con gli artisti è necessaria la prenotazione che può essere fatta collegandosi al sito internet di Effetto Venezia  (www.livorno-effettovenezia.it):

Venerdì 21 agosto (ore 21) Teatri d’Imbarco presenterà “Tutto da sola” di e con Anna Meacci.

“Amo raccontare storie.
Questo “amore” me l’ha trasmesso il mio babbo, molti anni fa, quando ero piccola, con le trecce lunghe e una ghigna indisponente stampata su una faccetta paffuta.
Quando in casa Meacci si guardava poco la televisione ma si raccontava tanto.
Si raccontava di tempi lontani e di un mondo a me sconosciuto.
Quei racconti erano le mie fiabe.
Fiabe senza principi e principesse ma ricche di persone reali capaci di azioni mirabolanti.
In Tutto Da Sola porto in scena l’amore per il racconto partendo proprio dai miei ricordi.
Perché come diceva il mio babbo: “Popa i ricordi a volte fanno male, ma non averne è peggio!”
Dimenticavo: il tutto con allegria e leggerezza!”. Anna Meacci.

Sabato 22 agosto (ore 21) lo spettacolo di e con Paolo Migone dal titolo “Fuori piovevano incudini”. Paolo Migone, comico camaleontico e dallo stile visionario, sul palco ha la capacità di raccontare situazioni attraverso una gestualità essenziale e inconfondibile.

Domenica 23 agosto, ore 21 il Teatro Trabagai presenterà “Stornelli infernali” con Elena Farulli e Giorgio Monteleone.
Due menestrelli racconteranno, in maniera comica ma fedele, il rocambolesco viaggio di Dante e Virgilio, intervallando la narrativa con versi della “Divina Commedia” cantati su arie popolari. Un originale intreccio tra teatro, letteratura, cultura popolare e comicità. La performance percorre fedelmente i passaggi da un girone all’altro dell’inferno, descrivendo pene e personaggi, il tutto in chiave comica e assolutamente accattivante.

Riproduzione riservata ©