Cerca nel quotidiano:


Inghilterra Argentina Sound Festival alla Baracchina Azzurra

Il 16 e 17 agosto in viale Amerigo Vespucci, 64 (Antignano) si terrà una "due giorni" in musica tutta da vivere

venerdì 16 Agosto 2019 00:07

Mediagallery

Il 16 e 17 agosto alla Baracchina Azzurra in viale Amerigo Vespucci, 64 (Antignano) si terrà un festival tutto speciale: “Inghilterra Argentina Sound Festival”. Due mondi contrapposti, due modi differenti di esprimere se stessi: da una parte il football, lo strumento di una colonizzazione di fatto, dall’altra il fútbol, la risposta di chi rivendica la propria libertà, la propria essenziale anarchia, da una parte la Cumbia sudamericana , da una parte i grandi classici dei Beatles che hanno fatto la storia. Una rivalità forte, dunque, quella tra Argentina e Inghilterra, che nasce agli albori sugli improvvisati campi ricavati dai potreros, i pascoli della pampa, si sposta sul nobile prato di Wembley nei Mondiali del 1966 e approda infine, con una drammatica evoluzione dal piano simbolico dello scontro sportivo a quello concretissimo della guerra reale, a un vero campo di battaglia. Nel 1982 l’Inghilterra di Margaret Thatcher difende le isole Falkland, il diritto acquisito e l’onore dell’Impero, mentre l’Argentina dei generali in cerca di consenso vuole riprendersi ciò che la storia le aveva tolto, le Malvinas. La sconfitta e l’umiliazione argentina trovano poi la loro vendetta popolare, la revancha, in uno stadio messicano nel 1986, grazie a un semidio del calcio, il simbolo sportivo e identitario dell’Argentina moderna: Diego Armando Maradona. Ma nonostante la vittoria in quella storica partita dei Mondiali la domanda resta aperta: la rivalità tra Argentina e Inghilterra si è davvero conclusa? Sicuramente sì con la musica.
Il 16 agosto Kokopelli Collective band attraversano la tradizione musicale ispanoamericana, l’inarrestabile ritmo del flamenco della Cumbia, i nostalgici tanghi, le intimità cantautoriali ed i ritmi afrocubani, per sconfinare in sentimenti jazz e in “frenesie da bailanta.
Il 17 agosto Helter shelter, ripropone il vasto repertorio dei quattro di Liverpool, arrangiandolo esclusivamente in chiave acustica: quattro cantanti, tre chitarre e alcune percussioni. Un gruppo specializzato nel repertorio Lennon-Mccartney-Harrison, che arriva a ĺriprodurre più di 50 canzoni. Un set semplice, minimale, dove la cura del suono e delle armonizzazioni vocali è tutto. Si passa dalle canzoni più famose (“Help!”, “A Hard Day’s Night”) a quelle più sperimentali (“Happiness is a warm gun”, “Dear Prudence”); da momenti più sfrenati e ballabili (“She loves you”, “Can’t buy me love”) sino a quelli più dolci ed emozionanti (“Hey jude”, “Across the universe”). Chi vincerà se non la musica?
Info: 347-18.10.035

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.