Cerca nel quotidiano:

Condividi:

La più bella del mondo, al Museo della Città la mostra dedicata all’Amerigo Vespucci

Sabato 30 Luglio 2022 — 23:53

Dal 3 agosto (ore 19.00) al 30 ottobre al Museo della Città la mostra fotografica dedicata all’Amerigo Vespucci. Protagonisti gli scatti di Maki Galimberti e Massimo Sestini

di Giulia Bellaveglia

Una serie di volti imponenti, mari sconfinati e onde alte come palazzi che accolgono lei, la protagonista del mare per eccellenza: la nave scuola Amerigo Vespucci. Le immagini di cui parliamo sono quelle che Livorno ha scelto per celebrare il famoso veliero attraverso una mostra dal titolo “La più bella del mondo”, in programma al Museo della Città dal 3 agosto (in contemporanea con la 34esima edizione di Effetto Venezia) al 30 ottobre. Una rassegna fotografica, promossa da Comune di Livorno e Fondazione Lem con il patrocinio della Regione Toscana e della Marina Militare Italiana, composta da circa 50 fotografie di Maki Galimberti e Massimo Sestini capaci di spaziare dai componenti del prestigioso equipaggio per arrivare fino ai dettagli dell’unità navale che il resto delle nazioni ci invidia. Il tutto a cura di Carla Bardelli. “Un’esposizione animata da un dinamismo di foto per cui i superlativi si sprecano – dice – Il soggetto è di per sé fotogenico, ma gli autori si sono veramente superati. Un progetto che nasce da una ricerca di bellezza di personaggi non noti da parte di Galimberti. Abbiamo pensato che non potesse esserci niente di meglio degli ufficiali di Marina: belli, con volti interessanti e uniformi meravigliose. Poi si è unito Sestini, perché non può esserci un evento sul Vespucci senza di lui. Un fotografo che ha con la Marina un rapporto diretto, è il suo spazio. I testi li ho voluti inserire perché penso siano necessari, li ho scritti e riscritti e adesso si sposano perfettamente con le immagini”. “Una mostra che ritenevamo pienamente in linea con un mandato – spiega l’assessore alla cultura Simone Lenzi – Focalizzare quelli che sono gli elementi tipici o che hanno la caratteristica di aver messo questa città in luce a livello internazionale. L’Amerigo Vespucci non è nata a Livorno ma ha un rapporto molto stretto con questo luogo e si identifica quindi perfettamente in questo filone di iniziative”. Il titolo dell’esposizione prende spunto dalla frase del comandante della portaerei Uss Indipendence che, incrociando il Vespucci nelle acque del Mediterraneo nel 1962, chiese al veliero di identificarsi. Una volta risposto il comandante replicò con una frase rimasta nella storia: “Siete la nave più bella del mondo”. “Se mai dovesse piacere quello che abbiamo fatto è perché il soggetto era bello davvero – commenta Galimberti – Una particolarità di questa avventura è che racchiude i lavori di due fotografi, una cosa che per le mostre fotografiche è stranissima, si parla quasi sempre di un solo autore. Noi abbiamo deciso di mettere a fianco i nostri lavori e la nostra amicizia”. “Abbiamo subito detto che ci saremmo impegnati nel non appendere le fotografie normalmente, ma nel farle visualizzare attraverso una serie di schermi retroilluminati – aggiunge Sestini – Di recente mi sono messo in testa di fotografarla come se fosse un dipinto dell’800, racchiusa dentro un’onda, come si vede nell’immagine di presentazione, e il risultato è straordinario”. L’esposizione sarà visitabile dal martedì al venerdì dalle 10 alle 20 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 22. Inaugurazione martedì 3 agosto alle 19.

Condividi:

Riproduzione riservata ©