Cerca nel quotidiano:

Condividi:

“L’anima in un istante”, i ritratti “vip” in bianco e nero di Barontini in mostra

Venerdì 25 Novembre 2022 — 20:58

L'esposizione, visitabile gratuitamente dal lunedì al sabato dalle 16 alle 18 fino al 21 gennaio, prevede un’accurata selezione di ritratti di celebrità italiane e straniere

di Giulia Bellaveglia

Vittorio Gassman, Patti Smith, Bud Spencer e tantissimi altri personaggi famosi a livello nazionale ed internazionale, tutti raccolti in sessanta foto in bianco e nero. È questo ciò che si vede entrando negli spazi della sede di rappresentanza di Castagneto Banca 1910 che, non nuova alla promozione di iniziative culturali, dal 26 novembre al 21 gennaio ospiterà “L’anima in un istante”, mostra fotografica del celebre artista Claudio Barontini. L’esposizione, patrocinata da Comune di Livorno, Fondazione Livorno e Fondazione Livorno Arte e Cultura, prevede un’accurata selezione di ritratti di celebrità italiane e straniere, sotto la direzione artistica di Michele Pierleoni. “Una serie di scatti di grande coerenza stilistica – dice – Nei lavori di Barontini c’è sempre una poetica rivolta al bello, la ricerca di un’estetica molto alta. Per quanto riguarda le persone si ritrova un’attenzione ai movimenti caratterizzanti dell’individuo, nel paesaggio invece c’è una sorta di lettura pittorica. Il titolo vuole evocare la capacità dell’anima di essere letta in un istante, attraverso il bianco e il nero che offre la capacità di leggere oltre, di vedere i particolari”. “Ringrazio il curatore – afferma Barontini – perché è stato lui a selezionare le foto. E quindi, per una volta, mi sento un semplice spettatore. Credo che sia la prima volta che mi succede. E devo dire che ha saputo leggere in maniera precisa il mio modo di fare, ovvero cogliere i personaggi al di là della loro professione: Patti Smith non ha la chitarra, Paolo Conticini è insieme al suo cane, la Lina Wertmüller è seduta sul divano e non a lavoro sul set. Mi piace raccontare la persona. Poi, nel periodo Covid, visto che fotografare il personaggio era diventato complicato, ho iniziato a lavorare anche su città e paesaggi, ma non con immagini classiche: essendo la terra popolata mi piace sempre metterci dentro qualcuno, animale o umano che sia, perché racconto un ambiente vivo”.
La mostra è visitabile gratuitamente dal lunedì al sabato dalle 16 alle 18 esclusivamente su appuntamento prenotabile all’indirizzo [email protected] oppure al numero 0586/210180. Il sabato sono inoltre previste delle visite guidate.

Condividi:

Riproduzione riservata ©