Cerca nel quotidiano:


Leggermente, il 28 Gad Lerner poi la proiezione di The Shift

Alle 19 Gad Lerner presenterà il suo libro “Noi partigiani. Memoriale della resistenza italiana”, mentre alle 21.30 ci sarà la proiezione di “The Shift”, regia di Alessandro Tonda, in collaborazione con il FI-PI-LI Horror Festival

Lunedì 26 Luglio 2021 — 12:07

Mediagallery

Mercoledì 28 luglio alle 19 il parco di Villa Fabbricotti ospiterà un doppio appuntamento della rassegna “Leggermente: incontri letterari”, quest’anno giunta alla terza edizione. Alle 19 Gad Lerner presenterà il suo libro “Noi partigiani. Memoriale della resistenza italiana”, mentre alle 21.30 ci sarà la proiezione di “The Shift”, regia di Alessandro Tonda, in collaborazione con il FI-PI-LI Horror Festival.

ORE 19.00  – Gad Lerner presenta il suo ultimo libro “Noi partigiani. Memoriale  della resistenza italiana”, edito da Feltrinelli (sarà presentato  anche  il  libro  per ragazzi e ragazze “Noi ragazzi della libertà. I partigiani raccontano”). Dal 2019 l’autore, insieme a Laura Gnocchi e ad A.N.P.I., si è dedicato alla raccolta di oltre 400 interviste filmate che costituiscono altrettanti racconti di chi si oppose al fascismo e al nazismo dal ’43 al ’45. Noi Partigiani – Memoriale Della Resistenza Italiana è una operazione culturale, una raccolta di storie di donne e uomini, ma anche di volti, espressioni, cadenze. L’autore sarà introdotto da Marco Manfredi, docente di Storia contemporanea presso l’Università di Pisa, in collaborazione con l’Istituto della Resistenza e della società contemporanea di Livorno. L’incontro si terrà nella zona verde e accogliente vicino al Chioschino di Filippo Brandolini.

Evento in collaborazione con Deep Festival.

ORE 21.30 – In collaborazione con il FI-PI-LI Horror Festival verrà proiettato il film “The Shift”. Il film, di genere drammatico, è diretto da Alessandro Tonda, con Clotilde Hesme e Adamo Dionisi. E’ la storia di due ragazzi, Eden (Adam Amara) e Abel, in apparenza due semplicissimi giovani, che in realtà sono due terroristi, decisi a compiere un attentato.

Gli eventi sono gratuiti. Per partecipare all’incontro è consigliato prenotarsi su https:/ leggermente.eventbrite.it/

Note sui libri – “Noi partigiani. Memoriale della resistenza italiana”. Gad Lerner e Laura Gnocchi, “Noi  partigiani. Memoriale della resistenza italiana”, Feltrinelli, 2020. Il volume raccoglie una selezione trascritta delle video-interviste agli ultimi partigiani viventi che andranno a comporre l’Archivio multimediale promosso dall’ANPI col contributo dello SPI-CGIL. Si tratta di un grande libro di ricordi, senza pagine ma con tante immagini e tante parole, che racconta cosa fu la Resistenza e perché ancora oggi si festeggia il 25 aprile. È un tentativo di esplorare il mondo della loro scelta. Cosa passava per la loro testa? Come si sono formati i codici di comportamento, le idee, la visione del mondo, il loro “antifascismo esistenziale”? Episodi drammatici, amori leggendari e dinamiche familiari si intrecciano in un racconto corale di malinconia ma anche di felicità, che riporta alla luce i valori civili fondamentali che oggi dobbiamo difendere. Come scrivono Gad Lerner e Laura Gnocchi nell’introduzione, “chi liquida l’antifascismo riducendolo a ideologia obsoleta deve fare i conti con l’insegnamento che ci viene da questi uomini e da queste donne ancora presenti fra noi. La scelta da essi compiuta quando erano ragazzi deve rinnovarsi,  a partire dal loro esempio, perché il fascismo non abbia un futuro”.

“Noi ragazzi della libertà. I partigiani raccontano” – La Resistenza raccontata in prima persona dalle ragazze e dai ragazzi che hanno scelto da che parte stare. Perchè la libertà non è un regalo, va conquistata. “Noi? Ragazzi della libertà? Ma cosa c’entriamo con i partigiani? Sono storie vecchie, del tempo dei nonni e dei bisnonni… I partigiani  sono  persone che molto tempo fa, quando in Italia c’era la guerra, hanno scelto da che parte stare. Ma chi gliel’ha fatto fare? Per rispondere a questa domanda ve ne proponiamo un’altra: e se provassimo a metterci nei loro panni? La Resistenza l’hanno fatta anche tanti ragazze e ragazzi della vostra età. Noi li abbiamo incontrati  e abbiamo realizzato una raccolta di memorie della Resistenza, perché restasse la loro testimonianza e fosse reso omaggio a chi ha rischiato la propria vita per la libertà. E se oggi voi potete mettervi nei loro panni – ma per fortuna siete in panni molto più comodi – lo dovete anche a loro”. Questo libro nasce da un progetto di oltre cinquecento interviste in collaborazione con l’Anpi, Associazione nazionale partigiani d’Italia.

Gad Lerner – Nato a Beirut nel 1954, è giornalista, conduttore televisivo e saggista. Comincia l’attività giornalistica nel 1976 nel quotidiano Lotta Continua fino a diventarne vice-direttore. L’attività nel quotidiano durerà in tutto tre anni, terminando nel 1979. In seguito lavora al quotidiano Il Lavoro di Genova, a Radio Popolare, al quotidiano il manifesto e al settimanale L’Espresso. Nel 2001 passa a LA7 dove, per un  breve periodo, assume l’incarico di direttore dei notiziari Per qualche anno scrive come editorialista sul Corriere della Sera. Il 10 aprile 2019 Lerner annuncia il ritorno a la Repubblica. Il 26 maggio 2020 inizia a scrivere su Il Fatto Quotidiano. Autore di molti saggi, il suo libro Scintille. Una storia di anime vagabonde, del 2009, ha ottenuto il Premio Selezione Campiello 2010 e il Premio Cesare Pavese entrambi nel 2010.

Riproduzione riservata ©