Cerca nel quotidiano:


Libri. Venerdì 3 alle 18,30 Fulvio Venturi presenta “Mascagni e Livorno – un caso internazionale”

Appuntamento per oggi, venerdì 3 settembre alle 18.30 ad Immersiva Caffè-Terrazza Mascagni con Fulvio Venturi e il libro "Mascagni e Livorno - un caso internazionale". Partecipano Giorgio Mandalis, Marco Marchi e l’editore Stefano Mecenate in collaborazione con MondadoriStore di via Magenta. Ingresso libero

Venerdì 3 Settembre 2021 — 10:30

Mediagallery

Venerdì 3 settembre, alle ore 18.30 presso Immersiva Caffè in Terrazza Mascagni, nell’ambito del Mascagni Festival, Fulvio Venturi, musicologo, appassionato d’arte, di musica e di letteratura, presenta il suo libro Mascagni e Livorno – un caso internazionale (Dream BOOK Edizioni); all’incontro saranno presenti Giorgio Mandalis, Marco Marchi e l’editore Stefano Mecenate.

Il rapporto fra Pietro Mascagni e Livorno, sua città natale, è stato e rimane un rapporto di amore. Dal 1881, anno in cui Pietro Mascagni non ancora diciottenne presentò al Teatro San Marco la sua cantata In filanda ad oggi, sulle scene livornesi si sono alternate un gran numero di opere di questo autore. E dal 1890, quando Cavalleria rusticana dette a Mascagni popolarità e successo imperituro, quel rapporto è stato quasi sempre entusiastico. Venturi racconta questo rapporto attraverso i fatti e le persone che hanno avuto a che fare con Mascagni: cantanti, direttori d’orchestra, impresari ma anche quelle figure che, a latere della sua attività artistica, hanno segnato tappe importanti della sua crescita di uomo e di compositore.

“Ecco finalmente un sasso, un sasso ben levigato e strutturato, che viene fatto cadere nelle acque stagnanti e impigrite della storiografia mascagnana – scrive nella sua prefazione Federico Maria Sardelli – (…) un libro che finalmente riferisce una biografia aggiornata e che ricolloca il musicista nel suo contesto storico, ricostruendo il tessuto che lo legava alla sua città natale, grazie al reticolo offerto da una gran mole di documenti preziosi. Scrivere su Mascagni e Livorno non è operazione campanilistica né tantomeno provinciale – prosegue il M° Sardelli – Livorno fu per il compositore il porto sicuro a cui far ritorno in tutte le fasi della vita, mantenendo sempre vivi i rapporti musicali, professionali e amicali. Il lavoro di Venturi arricchisce il campo storiografico lasciandoci una biografia basata sui documenti, una ricostruzione dettagliata del lavoro di Mascagni a Livorno e uno spaccato del tessuto culturale della città a cavallo dei due secoli. L’augurio cordiale è che questo sasso gettato da Venturi possa generare quel moto ondoso che dia avvio a una nuova stagione di studî su Mascagni e le sue opere”. Ingresso libero.

Videomapping all’Hotel Palazzo – Dall’1 al 5 settembre, Immersiva in collaborazione con Bright Festival, darà vita ad una fantasmagoria di immagini, luci e suoni che valorizzerà l’arte del Compositore Livornese e l’imponenza architettonica del Palazzo. Uno scenario iconico per un’espressione artistica (videomapping) che ha la capacità di reinterpretare gli edifici e i monumenti per dare forma a un nuovo modo di raccontare l’arte e la cultura.

Test antigenici rapidi e gratuiti al Mascagni Festival – La Misericordia di Livorno effettuerà un servizio tamponi dalle 19 alle 21 nei giorni di spettacolo presso la sede del Festival Mascagni in Terrazza e permetterà, a chi si trovasse in extremis sprovvisto di Green Pass, di effettuare gratuitamente test antigenici rapidi. Con esito negativo, il Ministero della Salute rilascerà la certificazione necessaria per accedere all’interno dell’area spettacolo.

Riproduzione riservata ©