Cerca nel quotidiano:


“Livorno al Centro”, via alla tre giorni di eventi. Il programma

Gli spettacoli del Festival che si alterneranno durante i tre giorni di programmazione, inizieranno fin dal pomeriggio alle 17 e si concluderanno entro la mezzanotte. Gli artisti coinvolti saranno oltre cento. Tutti gli spettacoli saranno gratuiti

Giovedì 6 Agosto 2020 — 19:10

Mediagallery

Tre giorni di spettacoli, tutti gratuiti: si presenta così il ricco programma di “Livorno al Centro. Arte e Cultura Livornese al Centro dell’attenzione”, festival di arte, cultura e spettacolo, che si svolgerà nella città labronica da venerdì 7 a domenica 9 agosto (clicca sul link in fondo all’articolo per consultare il programma completo della manifestazione).
L’idea del festival nasce dalla necessità di rilanciare il centro città e dalla voglia di valorizzare i talenti artistici e culturali livornesi.
Il festival, ideato da Riccardo Della Ragione, in compartecipazione con il Comune di Livorno e con la collaborazione della Fondazione Teatro Goldoni, quest’anno è slittato di 3 mesi dal suo usuale periodo di programmazione, la direzione artistica concordemente con l’Assessorato e gli uffici comunali ha ritenuto opportuno sposare la data del Festival al primo weekend di agosto agevolando la ripresa della macchina organizzativa che si era fermata durante il lockdown.
Saranno tante le iniziative che coinvolgeranno le piazze cittadine, alcune verranno trasmesse in diretta streaming per agevolare l’organizzazione del Festival e aiutare il rispetto delle regole anti-Covid.
Il Concerto inaugurale del Festival sarà trasmesso in diretta streaming dall’Accademia Navale di Livorno ed avrà come argomento centrale il valore della disciplina, un punto di forza importante per superare momenti difficili come quello attuale.

“Onore al merito per chi investe sulla cultura e sullo spettacolo con tutte le difficoltà dovute all’emergenza Covid-19 – si è complimentato l’assessore alla Cultura del Comune di Livorno Simone Lenzi nel corso della conferenza stampa di presentazione, così come il presidente della Fondazione Goldoni Marco Leone che ha aggiunto un commento sull’importanza di smuovere energie ed economie per far ripartire la citta”.
“Vogliamo tornare ad usufruire della proposta culturale, degli spettacoli, e delle piazze della nostra città, divertiamoci ma con saggezza”, ha detto invece l’organizzatore Riccardo Della Ragione.

È con queste indicazioni che torna “Livorno al Centro” un risveglio tanto agognato dagli artisti e dagli operatori dello spettacolo che insieme alle attività commerciali attendevano con ansia questo appuntamento.
Quest’anno in modo particolare il Festival ha trovato la collaborazione e il pieno sostegno di associazioni culturali, artisti locali, attività commerciali, guide ed operatori turistici cittadini, tutti con l’obiettivo comune di mettere nuovamente Livorno al Centro.
“Promuovere questa condivisione tra commercianti, operatori del settore dello spettacolo e associazioni culturali, – spiega Riccardo Della Ragione direttore artistico del Festival – è sempre più importante ed è diventato più che mai attuale. Abbiamo visto tutti quanti crescere l’orgoglio di essere livornesi durante la mostra dedicata ad Amedeo Modigliani e lo stiamo vedendo anche in questi giorni con il lancio del Festival Mascagnano. Dobbiamo quindi continuare a coltivare ed incoraggiare i nostri talenti con l’obiettivo comune del risveglio culturale e turistico della città. Ognuno mette a disposizione le proprie forze con la volontà di fare rete per mettere al Centro la città di Livorno con le sue peculiarità.”
Una esplosione di vitalità, tre giorni di eventi al centro della città con uno spettacolo conclusivo all’interno delle Terme del Corallo in cui faremo un tuffo nel passato riassaporando l’atmosfera dei primi del 900 con un “Caffè Concerto Belle Epoque” in cui tutti gli spettatori parteciperanno in costume dell’epoca.
In questa quinta edizione del festival, la premiazione dei talenti livornesi scelti dall’Assessore alla Cultura Simone Lenzi, verrà fatta nella giornata di apertura, il venerdì alle ore 21,00 sul piazzale antistante il Teatro Goldoni. Verranno premiati con una medaglia d’oro tre talenti livornesi scelti tra i tanti che la città offre.
Angela Rafanelli, autrice, scrittrice, conduttrice tv e radio, Roberto Luti artista, chitarrista, Alex Sarti cantante, compositore.
L’iniziativa viene presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa in cui intervengono l’assessore alla Cultura Simone Lenzi, il direttore della Fondazione Teatro Goldoni Marco Leone e Riccardo Della Ragione, direttore artistico del festival che presenterà nel dettaglio il programma della manifestazione.

Nell’edizione 2016 il Premio “Livorno al Centro” è stato consegnato al pugile Lenny Bottai per lo Sport, la cantante Karima Ammar per la musica, il soprano Laura Brioli per la Lirica, l’attore Marcello Marziali per il Cinema e TV, Francesco Baronti per la Pittura, Paolo Ciriello per la Fotografia, Leandro Bartorelli per l’Insegnamento e per la Scrittura Mario Cardinali.
L’anno scorso il Premio “Livorno al Centro” è andato a Lindsay Kemp per il Teatro, Paolo Migone per il Cabaret, Matteo Becucci per la Musica.
Nel 2017 sono stati premiati Matteo Becucci per la Musica, Lindsay Kemp per il Teatro e Paolo Migone per il Cabaret.

Nel 2018 furono premiati Lucia Stanescu per la Lirica, Giovanni Bondi per il Cabaret e Gabriele Detti per lo Sport.

Nel 2019 Lamberto Giannini che insieme agli attori del Mayor Von Frinzius ha messo in scena “Up & Down” invitato insieme a Paolo Ruffini al festival del cinema di Venezia e che ha ricevuto il premio “Kineo-Diamanti al Cinema” come miglior documentario.

I premi saranno consegnati dall’assessore alla cultura Simone Lenzi e dal direttore del Teatro Goldoni Marco Leone. Farà da cornice alla serata il direttore artistico del Festival Riccardo Della Ragione (alla chitarra).

Gli spettacoli del Festival che si alterneranno durante i tre giorni di programmazione, inizieranno fin dal pomeriggio alle 17 e si concluderanno entro la mezzanotte. Gli artisti coinvolti saranno oltre cento.

Queste le zone della città interessate:

– Accademia Navale Concerto inaugurale della Fanfara
– In via Goldoni talk show Livorno al Centro premiazione talenti livornesi
– In piazza Grande musica Danze, Jazz e Funky
– In via Sardi musica Folk Rock
– Al Parco di città Odeon musica Rock and Roll
– In piazza Attias Mostra fotografica, Conferenza sull’architettura e Banda cittadina
– In piazza Cavallotti musica Cantautorale
– Al Mercato Centrale musica Musical
– In piazza Mazzini musica Blues
– In piazza Matteotti musica International Piano Bar
– Alla Fortezza Vecchia DJ set – live
– In via Malta Varietà Vernacolo livornese
– All’Acquario di Livorno Conferenza sull’ecosologia e le buone pratiche
– Alle Terme del Corallo Concerto Belle Epoque

In ognuna delle piazze coinvolte saranno attivi per tutta la durata della manifestazione, punti di ristoro che propongono una vasta gamma di offerte gastronomiche, dalle cene tipiche livornesi a base di cacciucco agli aperitivi con degustazione di vini, dai cocktails a base di assenzio alla pasticceria artigianale e snack bar.

Contemporaneamente alle iniziative musicali organizzate nel centro della città, verranno proposte dalle Guide cittadine, i Tours culturali e storici della città ed i Tour in Battello.
Inoltre in occasione del Festival “Livorno al Centro” sono state organizzate una serie di conferenze/spettacolo che pongono l’attenzione sulle varie tematiche che riguardano la città dal punto di vista architettonico e della possibile gestione ecologica.
L’Acquario di Livorno in collaborazione con le associazioni “Acchiapparifiuti”, “Sons of the Ocean”, “Clean up Livorno”, “Reset” e “RIFIUTI ZERO“ propone nella Sala del Relitto la conferenza spettacolo “Storci di ‘ollo per ricominciare dalle buone pratiche”.
In Piazza Attias l’associazione culturale “Il Pentagono”, propone una conferenza su Livorno città delle Nazioni, i francesi. La comunità francese era principalmente localizzata lungo l’attuale via Piave, al tempo distinta in tre parti, denominate via della Tazza, via Marsigliana, e via della Saponeria. La proposta di una ceramica per ricordare questo importante aspetto storico della nostra città.

Tutti gli spettacoli saranno gratuiti.

Il progetto è a cura di:
RIKI Associazione Culturale
in partecipazione con l’assessorato alla Cultura e Turismo del comune di Livorno,
in collaborazione con la Fondazione Teatro Goldoni,
l’Acquario di Livorno, l’Accademia Navale di Livorno, le Guide cittadine
i Centri Commerciali Naturali e le attività commerciali del centro cittadino.

Riproduzione riservata ©