Cerca nel quotidiano:


Mayor Von Frinzius alla Festa de L’Unità

Domenica 1° settembre alle 21.30 la Rotonda d’Ardenza verrà invasa da circa ottanta attori, disabili e non, per strabiliare il pubblico in un turbinio di corpi che esplodono

martedì 27 Agosto 2019 18:30

Mediagallery

Reduce dai molteplici successi nei teatri di tutta Italia, la Compagnia teatrale Mayor Von Frinzius chiude la Festa de L’Unità 2019 presentando il suo ultimo spettacolo “A mezzanotte, parerga e paralipomena”,  per la prima volta in versione integrale a Livorno dal debutto del 29 e 30 maggio presso il Teatro Goldoni.

Domenica 1° settembre alle 21.30 la Rotonda d’Ardenza verrà invasa da circa ottanta attori, disabili e non, per strabiliare il pubblico in un turbinio di corpi che esplodono, che smaniano, che gridano qualcosa al mondo.

Nel tentativo di raccontare la storia e le piccole cose che si nascondono dietro ad uno spettacolo MVF, “A mezzanotte” svela una filosofia, quella del vivere nell’imminenza, nella smania di realizzare qualcosa di nuovo e di meraviglioso, uno spettacolo che sia migliore del precedente, e che sarà sicuramente peggiore del successivo.

Creare un capolavoro, plasmarlo curando ogni suo minimo dettaglio per poi abbandonarlo una volta realizzato ed andare alla ricerca di quel qualcosa in più: è così che questo spettacolare modo di fare teatro, ed è così che “A mezzanotte” è nato, nella cieca speranza di offrire al pubblico un pezzo di Compagnia.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.