Cerca nel quotidiano:


Mayor Von Frinzius, lezione aperta alla Terrazza Mascagni

Sabato 30 aprile alle 19.30 la Terrazza Mascagni sarà invasa da coreografie e giochi coinvolgenti che immergeranno il pubblico in un'avventura teatrale a 360°

Giovedì 28 Aprile 2022 — 17:43

Mediagallery

Aprile giunge al termine, maggio sta per cominciare e la Compagnia Mayor Von Frinzius, come sempre, sfida il ritmo incessante di questi mesi con eventi imperdibili.
Sabato 30 aprile alle 19.30 la Terrazza Mascagni sarà invasa da coreografie e giochi coinvolgenti che immergeranno il pubblico in un’avventura teatrale a 360°. La lezione aperta firmata MVF non è una semplice dimostrazione del lavoro che registi ed attori portano avanti per l’intero corso dell’anno ma è una vera e propria esperienza, da vivere in prima persona: saranno gli attori a coinvolgere il pubblico per ballare e giocare insieme.
Priva di una scaletta o di un copione, segue semplicemente il pensiero del regista Lamberto Giannini, che guiderà i partecipanti in un continuo susseguirsi di esercizi teatrali volti a fornire pillole fondamentali per la padronanza di un palco, dall’utilizzo della voce al riempimento degli spazi. A questi si aggiungono coreografie e scene tratte dallo spettacolo Sonnambuli – Se c’è un rigore lo tiro io, che debutterà il 19 maggio al Teatro Goldoni.
L’impronta eterogenea di questa tipologia di evento permette agli spettatori di vivere un’esperienza multipla, come attori e come pubblico, mai in maniera passiva.
Coreografie di Marianna Sgherri e Silvia Angiolini, musiche selezionate da Rachele Casali, esercizi teatrali di Lamberto Giannini e tutto il suo staff. Curiosi? Serve altro per convincervi a sbirciare dalla serratura del lavoro della Mayor? Partecipare è gratuito, ma siate pronti a mettervi in gioco e ad emozionarvi.
Se la curiosità aumenta ancora di più un altro evento vi aspetta lunedì 2 maggio: si terrà alle 14.30 la conferenza stampa per annunciare  “Sonnambuli – se c’è un rigore lo tiro io” sul palco del Teatro Goldoni.
“Questo spettacolo nasce perché da piccolo ero sonnambulo. Ho passato tutta la vita a cercare di dimenticare quella notte, e ora non riesco a raccontarla.” queste le parole di Lamberto Giannini, che è partito dalla propria esperienza come sonnambulo per ideare questo spettacolo e racchiudere al suo interno sogni, incubi, ambizioni e paure non solo suoi ma anche dei suoi attori e collaboratori.
Il sonnambulismo si verifica quando una persona cammina o compie attività complesse mentre non è ancora sveglia del tutto. Di solito, si manifesta nelle prime ore dopo l’addormentamento, durante la fase di sonno profondo: fare teatro è come dormire profondamente e sognare, ogni bisogno diventa desiderio, il tempo sembra fermarsi ma in realtà passa inesorabile fino a portare al risveglio, gli applausi finali, che gettano l’attore in un connubio di estasi e rimpianto di qualcosa che ormai è passato e non potrà più tornare.
Subito dopo la conferenza stampa di lunedì 2 maggio si terranno sul palco del Teatro Goldoni le prove dello spettacolo che saranno aperte gratuitamente al pubblico fino ad esaurimento posti in platea.
Insomma, nel giro di pochi giorni le emozioni saranno innumerevoli e la curiosità riguardo l’ultima produzione Mayor aumenterà a dismisura. Chi ancora non si fosse aggiudicato il proprio biglietto per “Sonnambuli, se c’è un rigore lo tiro io” può ancora farlo presso la biglietteria del teatro, sul sito e nei punti vendita TicketOne, ma accorrete, non ne restano molti!

Riproduzione riservata ©