Cerca nel quotidiano:


Oltre 2400 documenti inediti dei Combattenti Livornesi nel libro di Bitossi

Nei quattro volumi raccolti da Bitossi si possono apprezzare le tantissime testimonianze che portano chi legge a indagare una dimensione a dir poco sconosciuta della storia del nostro Paese riguardante i combattenti, i deportati civili, politici e i partigiani, nonché i reduci dalle prigionie vissute in tutte le parti del mondo

Martedì 2 Novembre 2021 — 21:40

Mediagallery

Oltre duemilaquattrocento tra documenti e immagini inedite contenute nel libro di Giovanni Bitossi, presidente dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Livorno, presentato in quella che è stata la più grande cerimonia “combattentistica cittadina” del ventunesimo secolo. All’interno dell’auditorium del Museo di Storia Naturale di via Roma (Villa Henderson) ben 52 persone, contingentate e rispettose delle normative anti-Covid, hanno presenziato all’esposizione di questi quattro volumi in cui vi è raccolto il vissuto inedito e originale degli oltre 6500 soci dell’associazione.
Un lavoro magno quello messo insieme dal cavalier Bitossi, già agli onori della cronaca cittadina e nazionale per aver inventato lo stradario “salvavita” delle emergenze. Nella grande sala dell’auditorium sono state quindi ricevute le autorità religiose, civili, militari italiane e statunitense, nella persona del colonnello comandante in Camp Darby e i soli presidenti delle associazioni combattentistiche.
Nei quattro volumi raccolti da Bitossi si possono quindi apprezzare le tantissime testimonianze che portano chi legge a indagare una dimensione a dir poco sconosciuta della storia del nostro Paese riguardante i combattenti, i deportati civili, politici e i partigiani, nonché i reduci dalle prigionie vissute in tutte le parti del mondo. Dalla scorsa estate poi, oltre che sul sito web dell’A. N. C. R., l’opera è stata inserita nella biblioteca multimediale nazionale a disposizione delle università. Perché la storia, oltre che sui libri, va capita e respirata dal vero vissuto trascorso sulla pelle dei protagonisti.

Riproduzione riservata ©