Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Porta a Mare. Ecco la “piccola rassegna letteraria” sulla città e sugli autori livornesi

Venerdì 27 Maggio 2022 — 13:45

Un evento gratuito previsto per domenica 29 maggio a partire dalle 17.30 negli spazi del Biocafé Livorno. Moderatrice dell'incontro la giornalista e scrittrice Claudia Mantellassi

di Giulia Bellaveglia

Proseguono le iniziative artistico-culturali completamente gratuite di Porta a Mare. Questa volta ad essere protagonista è “Livorno da leggere – piccola rassegna letteraria” in programma per domenica 29 maggio a partire dalle 17.30 negli spazi del Biocafé Livorno. Moderatrice dell’incontro, in compagnia di alcuni scrittori livornesi e delle loro opere, la giornalista e scrittrice Claudia Mantellassi. “Questa è la prima esperienza che facciamo in tema di libri e di editoria in genere – dice Susanna Del Moretto, direttrice dell’area commerciale di Porta a Mare – Stiamo riprendendo alla grande il nostro programma di proposte, più o meno con la stessa calendarizzazione pre pandemia. I nostri spazi all’aperto poi, si prestano molto bene e grazie alla finalmente riconquistata libertà ci stiamo dirigendo verso un clima di normalità”. Ad aprire le danze sarà il Laboratorio di scrittura Qwerty di Raffaele Palumbo con 9 divertenti antologie dedicate alla città ognuna attraverso una tematica differente. Poi, sarà il turno dell’attore Edoardo Bacchelli che si esibirà con un’anticipazione dello spettacolo teatrale tratto dal testo “Vuoti a perdere” di Mantellassi per la regia di Luca D’Alessandro. Seguiranno Valter Manunza con “Attimi sospesi” e Silvia Conforti con “Veleni, amori, animali e altre calamità” di ritorno da poco dal celebre Salone del libro di Torino. Ad arricchire le letture anche Annalisa Matarazzo. “Dopo un periodo così pesante e faticoso cercavamo qualcosa di nutriente e leggero – spiega Mantellassi – Sulla leggerezza vorrei puntare in particolar modo perché spesso si pensa che le presentazioni di libri siano collegate ad esperienze noiose e faticose. In realtà l’idea è quella di un vero e proprio salottino letterario, anche nell’allestimento, dove, tra amici, dialogheremo su una serie di scritture e letture prodotte da autori legati al territorio o che ne parlano all’interno dei testi. Tra gli ospiti ci sono veterani della scrittura e anche chi è alle prime armi”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©