Cerca nel quotidiano:


“Raccontare l’invisibile”, laboratorio al Teatro della Brigata condotto da Giovanni Carta

L'attore Giovanni Carta torna allo spazio della Brigata per condurre il laboratorio intensivo sulla narrazione "Raccontare l’invisibile"

giovedì 24 Ottobre 2019 15:25

Mediagallery

Dopo lo spettacolo A Testa Sutta, ospitato la scorsa stagione prima all’interno della rassegna I Piccoli Maestri del Teatro della Brigata e poi all’interno del Festival Scenari di Quartiere Inverno, l’attore Giovanni Carta torna allo spazio della Brigata per condurre il laboratorio intensivo sulla narrazione “Raccontare l’invisibile“.

Nei giorni 8, 9 e 10 Novembre, al Teatro della Brigata (Via Brigata Garibaldi, 4b) Giovanni Carta guiderà un workshop che si propone di mostrare come la necessità di raccontare possa trovare forme complesse ed articolate, divenire affabulazione, racconto. Un laboratorio teatrale aperto a tutti coloro vogliano scoprire e praticare le tecniche della narrazione orale.

Attraverso tecniche di narrazione creativa i partecipanti saranno stimolati a dar forma e rappresentazione alle idee e le proprie capacità logico-espressive. Lavorando ed esercitandosi sul testo de Le città invisibili di Italo Calvino, saranno accompagnati a dar voce e corpo all’immaginario risvegliato dalla lettura del testo dando libero sfogo alla fantasia, imparando a canalizzare l’energia creativa con un approfondito lavoro sul corpo e sulla voce. Un percorso che vuole sollecitare lo sviluppo delle capacità logico-espressive (uso appropriato del linguaggio, dizione, controllo della comunicazione gestuale, conoscenza ed utilizzo degli schemi narrativi), e l’organizzazione della creatività in forme comunicative di ognuno dei partecipanti.

La tre giorni di laboratorio avrà un totale di 15 ore così articolate:

Venerdì 8 novembre ore 21.00 – 23.00. Sabato 9 e domenica 10 novembre ore 10.00 – 13.00 pausa 14.00 – 17.30.

Curriculum artistico di Giovanni Carta in breve

Formatosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” lavora dal 1994 con maestri quali Luca Ronconi, Massimo Castri, Giorgio Pressburger, Armando Pugliese, Ruggero Cappuccio,FrancescoGiuffrè e molti altri, alternando il repertorio classico con esperienze di drammaturgia contemporanea, di cui cura anche la regia. Affianca al teatro anche il cinema e la televisione con Roberto Andò, Vittorio Sindoni, Francesco Calogero, Giacomo Martelli, Fabrizio Costa, Gianluca Tavarelli, Luca Ribuoli, Michele Soavi, vantando il privilegio di lavorare con attori di fama internazionale tra cui Jean Monreau, Michel Bouquet, Judith Malina, Sophia Loren e Sergio Castellitto. Dal 2015 porta in giro il monologo A Testa Sutta vincendo anche il premio come miglior Attore al Festival Teatri Riflessi di Catania.

Per informazioni scrivere a [email protected] o chiamare al numero 327/884434

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.