Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Sabato la seconda edizione di Ave Maris Stella

Giovedì 3 Novembre 2022 — 18:05

Sabato 5 novembre, alle 18 al Santuario di Montenero, Vivi Montenero presenta il lavoro di ricerca sulla musica sacra tradizionale. L'iniziativa ha il patrocinio del Comune e del Vescovado di Livorno

Visto il successo della prima edizione del 9 luglio, l’Associazione ViviMontenero è lieta di replicare il lavoro di ricerca sulla musica sacra tradizionale Ave Maris Stella, che gli artisti regalano da Montenero a tutta la città una replica per permettere la presenza a chi non avesse potuto partecipare la prima volta. Sabato 5 novembre ore 18 , al Santuario di Montenero sarà presentato il lavoro di ricerca sulla musica sacra tradizionale Ave Maris Stella, Confessioni mediterranee. L’evento, organizzato dall’Associazione ViviMontenero, con il patrocinio del Comune di Livorno e del Vescovado di Livorno, nasce da un’idea di Stefano Thrull che ha raccolto brani della tradizione di musica sacra dei paesi del Mediterraneo e ne ha evidenziato le analogie, avvalendosi della collaborazione del Maestro Roberto Sbolci, musicista di Montenero che vanta illusti collaborazioni, fra le quali quella con il M° Ennio Morricone. . Con l’ensemble Modo Antiquo, specializzata nel repertorio rinascimentale e barocco, Sbolci ha ricevuto due nomination ai Grammy Awards; ha vinto concorsi di Composizione di Musica per film presso l’Accademia Musicale Chigiana e le sue composizioni hanno ricevuto riconoscimenti a livello internazionale. Il Maestro Sbolci e Thrull hanno condotto ricerche hanno condotto ricerche di grande valore nell’ambito della musica sacra della tradizione che muovendo dallo studio degli ex-voto del Santuario della Madonna delle Grazie, in particolare quelli dei tanti marinai che nei secoli sono scampati alle insidie del Mediterraneo, mettono in luce il nesso profondo tra mare, tempeste e spiritualità, metafore del mondo, dei suoi mali e della ricerca della salvezza; sono questi i temi che animano in ogni angolo del Mediterraneo le musiche sacre della tradizione, risalenti a epoche lontane, e che, dalla Corsica alla Sardegna, dalla Spagna alla Provenza, riecheggiano nelle parole dei canti popolari intonati dai credenti. A interpretare i canti selezionati saranno volutamente non cantanti professionisti, ma appassionati del canto tradizionale, Sara Donnini e Stefano Thrull, accompagnati dalla chitarra del Maestro Sbolci e coadiuvati dalle voci di Lara Gallo e Riccardo Taddei. Filo conduttore di questo percorso musicale è il dialogo interiore immaginario tra il capitano di un brigantino e il mare, figura materna che dà vita ma al tempo stesso tormenta e induce a riflettere su sé stessi e sullo spirito, sull’infinito che il mare da sempre evoca. A conclusione del percorso, sarà eseguita una composizione del Maestro Sbolci ispirata agli ex-voto del Santuario di Montenero da cui nasce e con cui idealmente si chiude questa sorta di confessione immersa nella luce, fisica e spirituale, del mar Mediterraneo. Luce che si riversa in entrambe le sue connotazioni anche nel bel flyer curato anche questa volta a titolo di amicizia, dal noto grafico e vignettista livornese Capras, al secolo Stefano Caprina. L’Associazione ViviMontenero invita la cittadinanza a partecipare a questo evento, frutto della raffinata ricerca di due cari amici monteneresi e rappresentato nel luogo simbolo di Montenero, il Santuario, da cui l’idea si è sviluppata e a cui sabato torna.

Voci: Laura Gallo, Sara Donnini, Riccardo Taddei, Stefano Thrull

Chitarra: Roberto Sbolci

Condividi:

Riproduzione riservata ©