Cerca nel quotidiano:


Santomauro e gli emigrati del dopoguerra in un docufilm per Canale Arte

Ancora soddisfazioni per l'attore labronico Stefano Santomauro fresco del successo ottenuto al Torino Fringe Festival 2019 con lo spettacolo Fake Club che ha fatto registrare il tutto esaurito per 9 giorni consecutivi

Mercoledì 29 Maggio 2019 — 17:31

Mediagallery

Stefano Santomauro lo vedremo presto in un docufilm che affronta il tema delle migrazioni italiane verso la Germania dopo la grande gelata degli anni ’50. Prodotto da Canale Arte e dal St. Pauli Theater di Amburgo, il film con la regia di Ulrich Waller e la partecipazione di Daniela Morozzi, Adriana Altaras, Gianni Ferreri, Peter Franke, Jörg Kleemann, George Meyer-Goll, Sergio Pierattini e Anneke Schwabe racconta la vita di un italiano emigrato a Wolfsburg per trovare lavoro presso la Volkswagen. Il docufilm è una vera e propria fotografia di come la guerra e la fame abbiano portato moltissimi italiani ad emigrare all’estero. Il tema attualissimo sarà anche raccontato da interviste effettuate a personaggi realmente esistiti all’epoca.
“Siamo orgogliosi di aver raccontato questa storia. La collaborazione con il St. Pauli Theater di Amburgo è stata preziosa. Sara un film emozionante”.
Ancora soddisfazioni per l’attore labronico Stefano Santomauro fresco del successo ottenuto al Torino Fringe Festival 2019 con lo spettacolo Fake Club che ha fatto registrare il tutto esaurito per 9 giorni consecutivi.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.