Cerca nel quotidiano:


Saverio Tommasi ospite a Leggermente

Martedì 13 Luglio alle 21,30 il Parco Centro Città ospiterà l’appuntamento della rassegna “Leggermente: incontri letterari”, quest’anno giunta alla terza edizione.

Domenica 11 Luglio 2021 — 07:58

Mediagallery

Martedì 13 Luglio alle ore 21,30 il Parco Centro Città ospiterà l’appuntamento della rassegna “Leggermente: incontri letterari”, quest’anno giunta alla terza edizione. Ospite della serata sarà Saverio Tommasi, autore, video reporter e giornalista di Fanpage.it, che presenterà il suo ultimo libro “In fondo basta una parola”, edito da Feltrinelli.
L’evento si terrà nella zona adiacente al Parchino Bistrot con il saluto dell’assessore Andrea Raspanti, che si occupa di diritti, politiche sociali, terzo settore e emergenza abitativa.
Saverio Tommasi racconta al pubblico il suo nuovo libro “In fondo basta una parola” (edito da Feltrinelli) concentrandosi sull’importanza delle parole, parole da “portarsi dietro nelle tasche dei pantaloni, nel taschino della camicia, della giacca, infilate nella punta delle scarpe, dentro i calzini e finanche nelle mutande” per poter attuare una vera e propria rivoluzione, perché una parola può ferire, ma può anche salvare, quindi usare le parole oggi, impiegare tempo per farle risuonare, significa non avere perso la speranza.

L’evento è gratuito.

Per partecipare è possibile prenotarsi su  https://leggermente.eventbrite.it/

Note sul libro – Saverio Tommasi, In fondo basta una parola (Feltrinelli, 2021). Cinquanta parole per interrogarsi: dalle più disarmanti, come “grazie” o “vergogna”, alle più coraggiose, come “trasgressione”, “scabroso”, fino ad arrivare ai fondamentali – “lavoro”, “cuore”, “vita e morte”. Cinquanta parole che portano con sé piccole storie di disaffezione quotidiana all’indifferenza, perché la rivoluzione gentile può partire soltanto da parole dannose al conflitto. Perché una parola può ferire, ma può anche salvare.        “Usare le parole oggi, impiegare tempo per farle risuonare, significa non avere perso la speranza; portarsi dietro delle parole nelle tasche dei pantaloni, nel taschino della camicia, della giacca, infilate nella punta delle scarpe, dentro i calzini e finanche nelle mutande, significa avere l’ardire di cercare una soluzione nonostante tutto e senza il preconcetto del luogo più adatto. Procuratevi una lampara per cercare le vostre parole preferite in mezzo alle altre. Procuratevi uno scalpello e un bedano per i tagli più profondi. Un vocabolario per calmare la vostra fame. Non siate timidi e tiratele fuori le parole, non siate tirchi e datele come conforto, condividetele come dialogo.”       Delle parole è sempre stato innamorato, Saverio Tommasi, e del racconto, delle storie ha fatto la sua professione, al punto che oggi è uno dei giornalisti più seguiti in Italia, fra gli adulti così come fra i ragazzi – le sue videoinchieste, di carattere sociale, superano abitualmente i 2 milioni di visualizzazioni, e 500.000 persone lo seguono su Facebook. “Ho sempre vissuto tenendo delle storie per mano, ho sempre saputo – ancora prima di saperlo – che noi siamo le storie degli altri.”

Chi è Saverio Tommasi – Saverio Tommasi è nato e vive a Firenze. Diplomato all’Accademia di Arte Drammatica dell’Antoniano di Bologna, ha lavorato in teatro per quasi dieci anni. È reporter di Fanpage.it, seguitissima testata giornalistica online, autore di reportage e inchieste in Italia e all’estero. Nei suoi video affronta temi di grande attualità e sensibilità. Nel 2019 ha fondato Sheep Italia, un’associazione che arriva a chi ha bisogno partendo da chi ha bisogno, dove si insegna a intrecciare la lana, si instaurano relazioni, si condividono i propri percorsi di vita e poi, si prova a riprenderla in mano, mentre le coperte realizzate vengono destinate ai senzatetto, come ultimo atto di un progetto che si nutre di tutte le storie che la lana tesse; non resta solo un’opera di carità, ma una comunità ampia. Autore di “Siate ribelli, praticate la gentilezza” (Sperling & Kupfer, 2018) e “Sogniamo più forte della paura” (Sperling & Kupfer, 2019), nel 2021 pubblica con Feltrinelli “In fondo basta una parola”. La sua pagina Facebook è seguita da mezzo milione di persone.

Riproduzione riservata ©