Cerca nel quotidiano:


Scenari di Quartiere, Crestacci in piazza Cavallotti

Venerdì 20 settembre, alle 19 in piazza Cavallotti, l’attore livornese presenterà “Felice” di cui è autore insieme a Alessandro Brucioni. Alle 17,30 visita guidata al quartiere Benci-Centro

venerdì 20 Settembre 2019 07:50

Mediagallery

Sarà Michele Crestacci il protagonista del nuovo appuntamento della rassegna “Scenari di Quartiere”, organizzata dal Comune di Livorno e Fondazione Teatro Goldoni con la direzione artistica di Fabrizio Brandi: venerdì 20 settembre, alle ore 19 in piazza Cavallotti (Quartiere Benci-Centro), l’attore livornese presenterà “Felice” di cui è autore insieme a Alessandro Brucioni. Uno spettacolo prodotto da mo-wan teatro in coproduzione con Scenari di Quartiere – Fondazione Teatro Goldoni, che era stato già apprezzato lo scorso marzo nell’anteprima proposta per l’edizione invernale della rassegna nelle case private dei negli appartamenti di Pontino, Collinaia ed Antignano. “Felice” si apre ora al pubblico più ampio (la partecipazione è libera) con il suo racconto di una piazza, una città, una nazione: il mattino con le prime luci dell’alba di un sabato qualunque – spiegano gli autori –  il silenzio per strada, le voci assonnate tra i banchi di frutta e verdura, il bar e le sue discussioni “filosofiche” e i frati caldi, vecchie donne in cerca di cibo con le sporte vuote, lo sguardo che scorre sui prezzi, sulle offerte del giorno, Remo e i suoi racconti di guerra. Voci confuse, odori forti, furgoni, banchi e bilance. Colori, carretti, pozzanghere. Spazzatura. Aprono i primi supermercati, i parcheggi a pagamento, cade il muro, l’arrivo dell’Euro. Si staglia così il ritratto di un ragazzino che diventa uomo e di un mercato che cambia, di un mondo che scompare e di una umanità che resiste. La storia del mercato come paradigma della storia umana. Un parallelo tra i cambiamenti del commercio e di una comunità. Tra storie di amore e tradimenti, crudeli ed ostinate concorrenze commerciali, “Felice” snoda la sua vicenda sullo sfondo di una immensa piazza dove risuonano le voci dei mercanti e del popolo.

Michele Crestacci nasce a Livorno nel 1972. Amante sin da piccolo del teatro, deciderà di coltivare questa passione solo all’età di 25 anni. Dapprima seguirà le orme del padre portando avanti l’attività familiare in P.zza Cavallotti, luogo simbolo di Livorno e fulcro della vita commerciale della città. Ma proprio da questa esperienza lavorativa, Michele prenderà spunto nei suoi primi passi nel mondo del teatro e della recitazione. Nel 2010 viene scelto da Paolo Virzì per una parte nel film “La prima cosa bella”, mentre nel 2014 partecipa al film “Short skin” di Duccio Chiarini, presentato alla scorsa edizione del Festival del Cinema di Venezia. Michele si divide tra cinema, teatro e televisione. Ha attivi vari spettacoli, tra i quali le tre pieces dedicate a tre grandi personaggi livornesi, l’artista Amedeo Modigliani, il calciatore Armando Picchi ed il poeta Giorgio Caproni, presentato proprio nella passata edizione di “Scenari di quartiere”.

Alle ore 17.30, con partenza nei pressi del palcoscenico in piazza Cavallotti, la guida turistica livornese Fabrizio Ottone accompagnerà gli interessati alla conoscenza del quartiere di Benci-Centro. L’iniziativa (gratuita e della durata di un’ora) è organizzata dalla Fondazione Goldoni con l’Associazione Quartieri Uniti Livorno che collabora anche alla realizzazione della rassegna.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.