Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Sipario sul Premio Rotonda: ecco i premiati del Bando Esposizione

Sabato 2 Settembre 2023 — 22:12

Per la miglior opera assoluta, il vincitore è un commosso Michele Stagni, con l’opera “Apparenze” (acrilico su tela). Per la miglior opera under 35 vince  Sofia Neri, artista poliedrica, filosofa, musicista, fotografa con la fotografia “Iridescenza”. Per il miglior spazio d’artista vince Moreno Ovani, con l’opera "Daedalus"

Il Premio Rotonda Città di Livorno annuncia ufficialmente i vincitori del Bando Esposizione, scelti dal giudizio insindacabile della giuria, presieduta da Michele Pierleoni e composta da Anna Gorchakovskaya e Nadia Marchioni. Il presidente sottolinea come il fil rouge che ha guidato la giuria sia stato quello di celebrare la luce, di cui Gianfranco Ferroni, artista labronico del 1900 è stato un grande interprete. Il Presidente apre la cerimonia propria con una citazione dedicata alla luce che cristallizza lo sguardo e rende presente il visibile.

Tre sono i premi assegnati agli artisti alla presenza dell’assessore alla cultura Lenzi, di Libera Capezzone e Veronica Carpita, rispettivamente Presidente e Direttrice della Fondazione Trossi-Uberti, l’istituzione cittadina che per il secondo anno ha avuto l’onore di coordinare la manifestazione culturale e artistica che ha animato per una settimana la città. Presente sul palco anche Angelo Scuri, per la Banca di Castagneto Carducci, ad assegnare il premio per gli artisti under35.

Per la miglior opera assoluta, il vincitore è un commosso Michele Stagni, con l’opera “Apparenze” (acrilico su tela). La giuria premia nella sua opera, la luce “potente e corrosiva” capace di sciogliere le forme restituendo una visione intima e profonda. L’artista commuove il pubblico quando con la voce spezzata, dedicata questa vittoria alla figlia.

Per la miglior opera under 35, gli artisti in gara erano 5, tra cui Michela Fiandanese dalla Puglia e Sofia Neri dalla Svizzera, artiste con borsa di residenza under35 sostenuta dallo sponsor Fondazione Laviosa, che ha sostenuto le spese di soggiorno. Ed è proprio Sofia Neri, artista poliedrica, filosofa, musicista, fotografa ad aggiudicarsi il podio, con la fotografia “Iridescenza”. La giuria le riconosce una esplorazione profonda della luce, delle sue rifrazioni e apprezza nella giovane artista la sua capacità di resa e di sintesi.

Per il miglior spazio d’artista, ovvero per l’interpretazione dello spazio espositivo e per la personalizzazione dell’ambiente con una personale impronta stilistica, l’artista premiato è Moreno Ovani, con l’opera “Daedalus”, acrilico ed olio su collage. Lo spazio espositivo, alla base presentava manifesti “ vissuti che hanno visto assurgere nuova vita, dalla terra alla tela in un movimento ascensionale”

Gli artisti selezionati, che hanno esposto le loro opere per una settimana, negli spazi espositivi in legno realizzati dallo studio 70mq, erano 43 e in modo del tutto unico hanno declinato il tema della luce con una forte sensibilità e allestito il proprio spazio, mostrando la propria personalità e impronta artistica.

Tanti i linguaggi, le tecniche e gli stili emersi, che hanno incuriosito la città, ma anche turisti provenienti da fuori, accorsi appositamente per godere dell’arte diffusa in un posto magico e carico di passaggi. Il Premio Rotonda, commenta Lenzi, rappresenta una forte identità cittadina e l’amministrazione comunale ha intenzione per l’anno prossimo di investire ancora,aumentando gli spazi di allestimento.

L’esposizione, che ha seguito temporalmente la classica formula dell’estemporanea, ha costituito la grande novità del Premio Rotonda di questo anno, che ha avuto in palinsesto molti eventi conviviali a satellite. Degustazioni di amari per conversare con gli artisti, concerti mattutini nella pineta, una conferenza su Barrucchello, la presentazione del libro sulla Baracchina Rossa, una performance teatrale ironica su un finto premio competitor, il premio Rotondità, una cena di cucina povera livornese e momenti unici di incontro e scambio.

La Rotonda d’Ardenza per una settimana è stata il centro gravitazionale di arte, creatività, fantasia, dialogo e incontri.  Commenta Libera Capezzone, che è stato un onore lavorare fianco a fianco con gli artisti che hanno contaminato la Rotonda e reso così bella questa manifestazione culturale, perché ciascuna opera aveva una storia da raccontare.

Con l’energia che ci ha profuso, il Premio Rotonda vi saluta e vi dà appuntamento al prossimo anno.

Si ringraziano tutti gli artisti che hanno partecipato, tutto lo staff del Premio che ha collaborato sinergicamente al perfetto svolgimento, il Comune di Livorno, i giornali locali e gli sponsor tutti:

Fondazione Livorno

Banca di Castagneto Carducci (premio under35)

Laviosa Foundation (borse di residenza under35)

Alpha Team (sponsor tecnico)

Stampissime (Sponsor tecnico)

Teatro Goldoni (Sponsor tecnico)

Chalet della Rotonda (Sponsor tecnico)

La Baracchina Rossa (Sponsor tecnico)

Amaro d’Artista (sponsor tecnico)

Condividi:

Riproduzione riservata ©