Cerca nel quotidiano:


Storia di un bambino e di un pinguino

Una storia buffa per parlare di mondi sconosciuti che si incontrano, della difficoltà di comunicare e comprendere chi è altro da noi

martedì 05 Febbraio 2019 00:01

Mediagallery

Martedì 5 febbraio, alle 10 al Nuovo Teatro delle Commedie, con lo spettacolo “Storia di un bambino e di un pinguino” della compagnia Teatro Telaio continua con la rassegna di Teatro Ragazzi, organizzata da Teatro Goldoni in collaborazione con Comune di Livorno, CRED e Pilar Ternera.

C’è un bambino che un giorno trova un pinguino davanti alla porta di casa. Un pinguino che sembra davvero molto molto triste. Probabilmente si è perso, e il bambino cerca di capire da dove arriva, cosa vuole: “perché è triste questo pinguino”? Il bambino decide di trovare il modo di riportarlo a casa, costruisce una barca e affronta con lui il lungo viaggio verso il Polo Sud, perché, come tutti sanno, i pinguini vivono al Polo Sud. Ma se non fosse quello di tornare a casa il suo primo desiderio?

Una storia buffa per parlare di mondi sconosciuti che si incontrano, della difficoltà di comunicare e comprendere chi è altro da noi, di un oceano da solcare per far crescere in noi affetto ed amicizia. E così diventare grandi. Come nasce un dialogo? Sono così importanti le parole? Tra mille gesti che restano incompresi e piccole gag surreali, continui fraintendimenti, alcuni enormi, altri apparentemente insignificanti, tra mille avventure e tempeste, i due arriveranno alla fine del loro viaggio.  Ma un viaggio può veramente avere una fine?

Regia  di Angelo Facchetti con Michele Beltrami, Paola Cannizzaro, scenografia di Francesco Levi e Angelo Facchetti. Costumi di Giovanna Allodi; voce narrante di Daya, illustrazione di Antongionata Ferrari. Età consigliata: dai 4 ai 10 anni

Per informazioni: 0586-20.42.25-206

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.