Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Tananai, da “fieramente ultimo” a Sanremo al palco di Straborgo

Giovedì 2 Giugno 2022 — 06:30

"Livorno? Ci sono stato una volta velocemente ed ho avuto modo di apprezzare la Terrazza Mascagni. Il cerotto sul naso? La sera prima ero caduto di faccia e ho rimediato così..."

Appuntamento con la musica del cantautore milanese stasera alle 22 sul palco di piazza Mazzini (ingresso gratuito). Ad aprire il suo concerto il cantante di X Factor, Versailles. L'intervista: "Bisogna non prendersi mai troppo sul serio"

di Giacomo Niccolini

Nella sua playlist alterna musica elettronica al cantautorato italiano, il suo nome d’arte è un nomignolo che gli dava il nonno da piccolo e che significa in pratica pirla, e le sue canzoni le stanno cantando un po’ tutti dai bambini di sei anni agli adulti che hanno messo il cuore sulle sue hit in rotazione su Spotify. In tanti però lo hanno conosciuto per la prima volta ammirandolo e ascoltandolo sul grande, grandissimo palco di Sanremo che lo ha visto arrivare, nell’ultima edizione appena trascorsa, in ultima posizione tra i venticinque cantanti in gara. “Fieramente ultimo – specifica al telefono con QuiLivorno.it Alberto Cotta Ramusino, in arte Tananai, a poche ore dal concerto che lo vedrà protagonista il 2 giugno alle 22 sul palco di piazza Mazzini per Straborgo 2022 – Scrivilo mi raccomando, fieramente, ci tengo”.
Un ultimo posto che però gli ha portato non bene, di più visto che il suo brano Sesso Occasionale (certificato platino) sta spaccando le vette delle classifiche entrando di diritto tra i  Top10 brani più ascoltati di Spotify Italia. Un po’ come il successo Baby Goddamn che, detta alla livornese, non ha avuto mani per fa’ i resti restando stabile per due mesi in Top10 di Spotify Italia e nella Top10 dei singoli più venduti per la classifica Fimi/gfk. Insomma un Re Mida delle hit questo cantautore milanese, che di anni ne ha compiuti 27 lo scorso maggio, e che mette d’accordo un po’ tutti grandi e piccini unendoli nel minimo comune denominatore della musica, anzi, della buona musica.
size-medium” src=”https://www.quilivorno.it/wp-content/uploads/2022/05/TANANAI_MG_8955-1-2-2-600×400.jpg” alt=”” width=”300″ height=”200″ />Lo abbiamo intercettato al telefono tra una prova, una promozione musicale e una rincorsa artistica con un amico speciale che viaggiava accanto in auto insieme a lui.
“Scusa ma ho qui accanto Federico Lucia detto Fedez che mi dà noia (scherza, ndr). Il 3 giugno uscirà una robetta (il nuovo singolo “La Dolce Vita”, ndr) che ho fatto insieme a lui e a Mara Sattei…”.
Ma ce lo porti a Livorno Fedez?
“Vediamo, vediamo… solo se fa il bravo (si sentono risa in sottofondo e l’inconfondibile voce di Fedez, ndr)”.
A proposito di amici famosi. Nella giornata di martedì 31 maggio ha girato un po’ sui social un video che ti riprendeva in motorino a Milano con Ale Cattelan mentre cantavate a squarciagola Ti scatterò una foto di Tiziano Ferro. Prima domanda, sei un fan di Tiziano? Seconda domanda, che ci facevi con Cattelan?
“E dai, e chi non lo è? Stavamo cantando Ferro perché ci andava così. Cosa ci facevo? Stavamo andando a fare una cosa che poi uscirà. Al momento non posso dire altro di più”.
Cosa c’è nella playlist di Tananai?
“Un sacco di musica elettronica e musica italiana in generale. Oltre che di Tiziano sono un grande fan di Cremonini, Calcutta… un po’ di tutto. Passo dall’elettronica, alla techno al cantautorato. Non ho proprio un gusto preciso, mi piace tutto quello che reputo bello”.
Ok dai, parliamo di te e di Livorno, sei mai stato qua da noi?
“Una volta che ero a Montecatini ho chiesto di portarmi a vedere il mare di Livorno. Sono stato sulla Terrazza Mascagni. E’ davvero bella, complimenti. Ma non ho visto molto altro. E’ stata una visita molto veloce. Sicuramente a Straborgo avrò modo di passare una bella serata con i livornesi che aspetto tutti in piazza”.
Tu nasci come Not for Us e facevi elettronica. Da dove nasce quel nome e perché hai deciso di cambiarlo?
“Dunque parto da Tananai. E’ un nomignolo che mi dava mio nonno quando ero piccolo e significa qualcosa tipo pirla. Not for Us lo avevo scelto perché prima avevo un altro pseudonimo che non mi ricordo nemmeno più quale fosse e praticamente continuavo ad inviare continuamente delle mail alle etichette discografiche e l’ultima che avevo ricevuto, dopo una cinquantina ma anche un centinaio di rifiuti, diceva thank you for the demo but this is not for us”.
All’inizio dell’intervista hai detto “fieramente ultimo”. Perché?
“Beh diciamo perché andata come è andata sono molto felice e sono contento che sia arrivato un messaggio positivo alla gente con quello che faccio: che è quello di non prendersi mai troppo sul serio, di stare tranquilli, perché in fondo non salviamo delle vite e che alla fine sia arrivata alle persone anche la mia musica”.
Nella foto-copertina di questo live e che vediamo spesso che accompagna le tue esibizione sei ritratto in posa da pugile con una felpa rosa e un cerotto con un cuore disegnato sopra. Ti ha colpito in faccia l’amore, o cosa?
“Diciamo che è la scusa che mi sono dovuto trovare. La verità è che la sera prima andando in centro sono caduto di faccia e mi ero tagliato sul naso e dovevo fare il video il giorno dopo. E così mi sono chiesto e adesso come facciamo? Ma dai mettiamoci un cerotto e da lì e nata sta roba…”.

L’appuntamento con la musica di Tananai è quindi per giovedì 2 giugno alle 22 in piazza Mazzini, ingresso libero e posti in piedi. Prima di ascoltare il cantautore milanese il palco sarà occupato da Versailles il cantante che ha partecipato all’ultima edizione di X Factor il cui cavallo di battaglia è stato il singolo Truman Show.

Condividi:

Riproduzione riservata ©