Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Tavola Rotonda “L’Economia nella Transizione digitale”

Lunedì 17 Ottobre 2022 — 10:58

La quarta rivoluzione industriale prodotta dalle Tecnologie digitali sta modificando la struttura economica e produttiva del Paese. La pandemia ha accelerato la digitalizzazione reingegnerizzando processi e prodotti delle imprese e delle industrie

Alla Biblioteca Labronica “F.D. Guerrazzi” di Villa Fabbricotti, via alla tavola rotonda dal titolo “L’Economia nella Transizione digitale”.  Appuntamento martedì 18 ottobre alle 17.
Introduce Claudio Pucciani, vice presidente Caffè della Scienza N. Badaloni.
Conducono:
Flavia Marzano, Presidente del Comitato Tecnico Scientifico della Fondazione Ampioraggio
Partecipano
Giuseppe Attardi, Dipartimento di Informatica, Università di Pisa, esperto del Mise su Intelligenza Artificiale e blockchain
Elena Battaglini, Fondazione G. Di Vittorio La negozialità territoriale e sostenibile dell’innovazione
Andrea Bonaccorsi, Professore Ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni, Università di Pisa
Oliviero Casale, Innovation Manager, esperto di Sistemi di Gestione dell’Innovazione
Darya Majidi, Imprenditrice tecnologica , Founder & CEO, Daxo Group e Vice President at ARTES 4.0

La quarta rivoluzione industriale prodotta dalle Tecnologie digitali sta modificando la struttura economica e produttiva del Paese. La pandemia ha accelerato la digitalizzazione reingegnerizzando processi e prodotti delle imprese e delle industrie, nella Logistica e nei Servizi. Per il governo di questi processi, il territorio dell’Area costiera si è dotato di un Protocollo di intesa (P.I), 2019, passando a un Accordo di collaborazione (A.C.), 2022,visto le Missioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR): M1C1 Digitalizzazione, Innovazione e Competitività nel sistema produttivo; M3C2 Intermodalità e Logistica integrata; M4C2 Dalla Ricerca all’Impresa; M5C1 Politiche del lavoro, generando un Ecosistema di innovazione territoriale quale luogo di contaminazione e collaborazione tra Università, Centri di ricerca, Società e Istituzioni locali che hanno finalità di Formazione di alto livello, Innovazione e Ricerca applicata definite sulla base delle vocazioni territoriali, a integrazione e attuazione del Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) previsto nell’Accordo di programma per il rilancio competitivo dell’Area Costiera Livornese.
Per lo sviluppo di quest’ Area costiera toscana interessata dalla Trasformazione digitale, il dibattito di propone due temi alla discussione:
– Come rafforzare la sinergia con il Centro di Competenza Artes 4.0 facendo sistema tra il Polo Sistemi Logistici ,Università di Pisa; il Laboratorio congiunto CNIT – Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale; il Polo per l’innovazione Urbana di Livorno; il Progetto per le Attività produttive, presente nel Recovery Fund Livorno ; il prossimo insediamento in Interporto di spin off e start up; IIT e ISTI del CNR di Pisa , facendo leva, su asset distintivi nei settori produttivi e logistici di riferimento, tra cui: Aziende settore manifatturiero, Nautica, Logistica;
– Come riconvertire questi settori nella promozione di una Formazione professionale con ITS dedicati alle vocazioni del territorio; per la riqualificazione di imprenditori, delle lavoratrici e lavoratori sui nuovi processi digitali e gestionali.

Condividi:

Riproduzione riservata ©