Cerca nel quotidiano:


Teatro Vertigo. Si apre il sipario sulla nuova stagione

Sei spettacoli all'insegna della comicità labronica e di alcuni grandi classici. Dal 23 ottobre la recitazione torna a fare da padrona negli spazi della Sala teatro Enzina Conte

Martedì 19 Ottobre 2021 — 16:26

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Ad aprire il sipario sarà lo storico comico livornese Claudio Marmugi con “Andrà tutto per le lunghe”, seguito dai ragazzi della scuola di arti sceniche con “Delirium ridens” diretto dallo stesso Conte e da Paola Pasqui. Si prosegue con il grande classico di Dario Fo “La marcolfa”, passando per “La macelleria vegana” della Compagnia Libere Parole. Concludono “Vertiganza”, un varietà ideato da un gruppo di giovani della scuola e condotto da Leonardo Demi, e “Il mio caro ‘68” del conosciuto artista labronico Consalvo Noberini

“La nuova chiusura totale di ottobre 2020 ci aveva messo sul filo del rasoio. Dopo un’apparente ripartenza estiva grazie ad Effetto Venezia, che sembrava averci dato respiro, tutto era tornato al punto di partenza: niente risorse e rischio chiusura. Adesso è il momento di ripartire”.
Sono queste le parole che Marco Conte, direttore artistico e presidente dell’Associazione culturale Vertigo, ha raccontato a Quilivorno.it in previsione dell’inizio della nuova stagione teatrale negli spazi della Sala teatro Enzina Conte, storica sede dell’Associazione.
“Oggi resta solo il necessario fastidio delle mascherine e del controllo dei green pass – prosegue – Con molta pazienza dobbiamo stare alle regole e attendere che finisca, speriamo il più presto possibile, anche questa situazione”.
Due mesi (dal 23 ottobre e per tutto novembre) caratterizzati da spettacoli frizzanti all’insegna della comicità. Ad aprire il sipario sarà lo storico comico livornese Claudio Marmugi con “Andrà tutto per le lunghe”, seguito dai ragazzi della scuola di arti sceniche con “Delirium ridens” diretto dallo stesso Conte e da Paola Pasqui. Si prosegue con il grande classico di Dario Fo “La marcolfa”, passando per “La macelleria vegana” della Compagnia Libere Parole. Concludono, un varietà ideato da un gruppo di giovani della scuola e condotto da Leonardo Demi, e “Il mio caro ‘68” del conosciuto artista labronico Consalvo Noberini.
“Per la prima parte di questa stagione ho volutamente scelto una serie di esibizioni divertenti – spiega ancora Conte – la ripartenza a teatro deve essere spensierata, allegra. Ci muoveremo con una programmazione bimestrale e da dicembre sicuramente spazieremo su tanti altri generi, in particolare sulla prosa”.
Non manca poi il ringraziamento ai sostenitori. “Per questo nuovo inizio non posso infine che ringraziare in primis l’amministrazione comunale che da sempre ha sostenuto i nostri progetti – conclude – Fondamentale anche la sinergia che abbiamo costruito con le altre realtà teatrali e gli aiuti provenienti dal Ministero dei beni culturali e dalla Regione Toscana. A noi e a loro va il merito di questo nuovo percorso”.
Per accedere agli spettacoli sarà necessario esibire il green pass. I dettagli della programmazione sono disponibili su www.vertigoteatro.it

Riproduzione riservata ©

CERCHI VISIBILITÀ? CONTATTACI: 1,1 MILIONI DI PAGINE VISTE AL MESE E OLTRE 60.000 ISCRITTI SUI SOCIAL. PER PREVENTIVI HTTPS://WWW.QUILIVORNO.IT/RICHIESTA-PREVENTIVO-BANNER/ OPPURE [email protected]

GRAZIE!