Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Vertigo. “Credoinunsolodio”, nel weekend al Teatro Enzina Conte

Mercoledì 7 Dicembre 2022 — 15:42

Debutta finalmente al Vertigo, teatro Enzina Conte venerdì 9 e sabato 10 alle 21 e domenica 11 alle 17  dopo lo stop pandemia del 2020, quando lo spettacolo doveva andare in scena proprio il 5 marzo, Credoinunsolodio il capolavoro di Stefano Massini, prodotto da Vertigoteatro con la regia di Barbara Mugnai

Religione, fede, odio, Dio: tu in cosa credi? Eden Golan, docente di storia ebraica. Mina Wilkinson, militare statunitense. Shirin Akhras, studentessa palestinese. Tre donne, tre mondi che sembrano irrimediabilmente lontani; non si conoscono, non si incontrano mai, ognuna persa dietro i propri drammi. Eppure… eppure sono una dentro l’altra, come una sola persona, sono facce della stessa medaglia, si muovono l’una nel mondo dell’altra, evocate da paure, desideri, inconfessabili verità, indissolubilmente legate in un susseguirsi di avvenimenti che precipitano fino ad un finale che le unirà per sempre, finalmente disvelando la loro comune essenza che affonda le radici nella follia della guerra.

Debutta finalmente al Vertigo, teatro Enzina Conte venerdì 9 e sabato 10 alle 21 e domenica 11 alle 17  dopo lo stop pandemia del 2020, quando lo spettacolo doveva andare in scena proprio il 5 marzo, Credoinunsolodio il capolavoro di Stefano Massini, prodotto da Vertigoteatro con la regia di Barbara Mugnai che interpreta anche una delle tre donne in scena.

Scritto e concepito come monologo, nella messinscena pensata dalla Mugnai, le attrici sono tre: la stessa Barbara Mugnai, Alessia D’Alessandro e Giulia Socci.  Un’alternanza coinvolgente di monologhi tutti legati ed intrecciati da un unico filo conduttore. A sottolineare l’atmosfera e l’emozione della pièce le luci di Ugo Zammit, gli affetti sonori curati da Sergio Brunetti. Alla consolle audio Luigi Liberti. Assistenza tecnica di Eleonora Di Rienzo.

Prenotazioni 0586210120 anche con segreteria telefonica.

Condividi:

Riproduzione riservata ©