Cerca nel quotidiano:


Visita guidata al Cimitero Monumentale Ebraico

Qui troviamo la rappresentazione marmorea della comunità ebraica livornese dal 1840 al 1900: molto laica, molto colta con rabbini che sono stati maestri per l’umanità

Giovedì 5 Agosto 2021 — 15:10

Mediagallery

Continuano gli approfondimenti sulla Livorno ebraica, anche nel mese di agosto. Domenica 8 agosto alle 10 del mattino visita guidata Cimitero monumentale ebraico di viale Ippolito Nievo. Non occorre il green pass, ma le mascherine, il distanziamento e la prenotazione al 320-88.87.044.

Questo Cimitero è frutto delle politiche cimiteriali ispirate dall’Illuminismo, portate avanti da Napoleone e riprese dai Lorena, in Toscana. Il motu proprio granducale del 1838 impose il trasferimento di tutti i cimiteri fuori dalla cinta daziaria, rappresenta, perciò con il Cimitero greco ortodosso , olandese alemanno e inglese, la volontà di allontanare le sepolture dai centri abitati. Occupa un’area di sedicimila metri quadrati, appena fuori dalla Barriera fiorentina.  Spesso percorriamo questo tratto di Aurelia velocemente senza la consapevolezza del grande patrimonio religioso, storico e culturale concentrato in questo lotto di terra. Proprio per questo abbiamo deciso di aprire settimanalmente tutti i siti ebraici.

Qui troviamo la rappresentazione marmorea della comunità ebraica livornese dal 1840 al 1900: molto laica, molto colta con rabbini che sono stati maestri per l’umanità. Una comunità che vuole lasciare una traccia nel tempo attraverso una simbologia classica fatta di fiori dell’oppio, clessidre alate, faci con le fiamme rivolte verso il basso, foglie di acanto, colonne, sarcofaghi, ed una simbologia legata al lavoro: i simboli della miniera per i Modigliani, del malto per un produttore di birra. Qui riposano la bisnonna ed i nonni paterni di Amedeo Modigliani, il nonno materno Isacco Garsin,  molti rabbini conosciuti in tutto il mondo, tra questi: Elia Benamozegh, Jeudà Coriat , Israel Costa.

Riproduzione riservata ©