Cerca nel quotidiano:


Abbattimento dei pini a Stagno, Cittadini in Comune: “Mettiamo in campo il buon senso”

venerdì 09 Agosto 2019 09:54

Mediagallery

Premesso che sulla delicata questione è stato ampiamente sottovalutato quello che Noi riteniamo esser fondamentale, da sempre, ovvero il percorso di  trasparenza ed informazione nei confronti della cittadinanza, che non era stata minimamente informata sui dettagli del Progetto “Giochiamo a regola d’arte”, presentato per la prima volta a Collesalvetti il 12 aprile 2018, poi reso ufficiale  con la delibera di giunta N 124 del 24 luglio 2018, dove negli allegati progettuali, per la parte riguardane Stagno, si trova questa voce ” abbattimento viale di Pinus Pinea e ripiantumazione di esemplari di Quercus ilex, con formazione di aiuola lato parco “.

Viste le note sensibilità nella Frazione, emerse già fortemente nel 2015 con la costruzione della centrale a biomasse sulla SS 555 e conseguente costituzione di un Comitato di circa 1000 cittadini, la nostra riflessione è tutta politica nel merito perché già dal 2013 si è iniziato un corposo abbattimento di pini a Stagno, come da noi ricordato più volte in campagna elettorale, cui non è mai seguito negli anni successivi un reale programma di ripiantumazione graduale del Verde Urbano che avrebbe consentito un attecchimento, negli anni, con il risultato di avere sicuramente una reazione diversa della cittadinanza che si è vista ” calata dall’alto “, in piena estate, una Delibera di Giunta del 2018.

Ed è proprio questo il punto politico fondamentale, il non aver fatto passi indietro fermandosi subito ad approfondire la questione , non successivamente al primo taglio e dopo l’assemblea del 25 luglio con la formazione di un altro comitato, affidando poi al Dipartimento di Scienze Agrarie, alimentari e agroalimentari dell’Università di Pisa il servizio di controllo della sicurezza ambientale relativo ai 27 esemplari di Pinus Pinea, ancora presenti in via della costituzione,  l’esame speditivo puntuale e la valutazione di stabilità con la determinazione N 85 del 02 agosto con una spesa totale comprensiva di iva di 5000 € ca.

Ci auguriamo che via della Costituzione sia l’ultimo “provvedimento” frutto di una stagione per la quale abbiamo più volte chiesto totale discontinuità, che è mancata soprattutto nell’assessorato ai Lavori Pubblici.

Nonostante questo, guardiamo al futuro sempre in modo costruttivo e ci auguriamo che l’Amministrazione recepisca le direttive della Legge N 10 del 2013,  cui sono seguite nel 2017 le “Linee guida per la gestione del verde urbano “, che indicano in maniera tecnica anche come procedere alle potature,  e non si applichi solo il principio preventivo della “cautela al risparmio” in nome delle manutenzioni perché cosi non si creano i presupposti per una reale e complessiva politica ambientale, che interessi tutto il territorio Comunale, che è quello che Noi chiediamo da subito unitamente alle schede VTA per ogni Pino presente nei centri abitati.

Ci sono esempi e casi concreti in Italia, vedi Lignano Sabbiadoro in provincia di Udine, dove sono state adottate nuove tecniche di salvaguardia delle radici dei pini, zone dove il vento soffia anche a 100 km/h e dove da monitoraggi successivi delle piante è stato verificato che il 90% delle alberature non solo ha mantenuto la stabilità precedente ma ha anche migliorato i fattori di sicurezza.

Si tratta di scelte politiche che sono frutto di programmazione prospettica e spesso semplicemente di buon senso.

Emanuele Marcis per Cittadini in Comune per Collesalvetti

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Federico

    E’ veramente una cosa fuori luogo abbattere pini ancora nel pieno della propria bellezza anche nel rispetto dell’ambiente,che nella zona lascia un pò a desiderare….Spero che la nuova amministrazione tiri il freno ed ascolti la popolazione che vive in zona adoperando il buon senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.