Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Aci: attraversamenti pedonali lungomare, ancora tante le criticità

Lunedì 20 Giugno 2022 — 18:14

Che qualcosa andasse fatto per ridurre gli incidenti sul viale Italia, è innegabile. Sulla scelta messa in campo dall’Amministrazione Comunale non possiamo far altro che attendere i risultati...

Che qualcosa andasse fatto per ridurre gli incidenti sul viale Italia, è innegabile. Sulla scelta messa in campo dall’Amministrazione Comunale non possiamo far altro che attendere i risultati. Altra certezza è che gli attraversamenti pedonali sul viale sono troppi e mal dislocati. Ora siamo al punto che alcuni sono segnalati in maniera eccezionale con pannelli luminosi e altri poco evidenziati. Sono stati creati, in poche parole, attraversamenti blasonati ed altri reietti. Un attraversamento di certo poco evidenziato e soprattutto secondo noi mal posizionato è quello di Acquaviva. Troppo vicino ad una curva, crea sicuramente motivo di pericolo: forse anche questo meritava la promozione a rialzato. Undici dossi artificiali non sono certo pochi e lo scorrimento veicolare ne risulterà penalizzato, ma se lo scotto da pagare sarà un aumentato tempo di percorrenza in nome della sicurezza pedonale, ben venga, gli automobilisti sono pronti a pagare questo “dazio” ma non lo sono per accettare il fallimentare progetto della rotatoria di scali Novi Lena. Se da un lato gli interventi sono stati mirati alla salvaguardia dell’anello debole della mobilità, i pedoni, la rotatoria del Nautico genera ingorghi, pericolo e inquinamento. Su scali Novi Lena occorre intervenire non domani ma subito perché subito è già tardi.
Altro punto dolente posto sull’asse Ardenza-Quattro Mori è l’eccessivo numero di attraversamenti pedonali posizionati in piazza Mazzini dove abbiamo un solo polo attrattivo: il piccolo centro commerciale. Occorre eliminare il passaggio pedonale posto nelle immediate vicinanze della rotatoria, costituendo un elemento di elevato rischio, mantenere quello rialzato perfettamente ubicato e rendere quello semaforizzato su richiesta: è infatti assurdo che il sistema dia lanterna rossa al flusso veicolare in assenza di richiedenti attraversamento. Sono questi interventi di irrisorio impatto economico per chi li deve attuare ma di immenso peso temporale per chi quotidianamente si trova a percorrere il viale Italia e proseguire per i poli di interesse lavorativo.

AC Livorno

Condividi:

Riproduzione riservata ©